Quantcast

Cambia la società per la riscossione tributi. Insorge la Lega ma per il Comune “saranno scovati più evasori”

Scaduta la convenzione con Icacreset, l’amministrazione Gravina ha deciso di affidare il servizio riscossione coattiva dei tributi all’Agenzia per la riscossione, ex Equitalia. Il gruppo consiliare solleva la questione in Commissione. L’assessore Panichella: “I cittadini onesti saranno avvantaggiati rispetto a quelli che sono abituati a non pagare”.

Una commissione Bilancio incandescente. Succede a Campobasso, dove la maggioranza ha avanzato una proposta che ha fatto andare su tutte le furie il gruppo della Lega: “La maggioranza 5 stelle del Comune di Campobasso sta preparando una bella sorpresa per i cittadini di Campobasso. È stata portata, il 15 giugno, all’attenzione della Commissione Bilancio e Tributi una proposta che prevede, essenzialmente, che la Riscossione Coattiva dei tributi del Comune di Campobasso sia affidata ad Equitalia (ora denominata Agenzia per la riscossione)”.

Tramontano e D'Alessandro

In pratica, lo scorso 18 maggio è scaduta la convenzione che il Comune aveva sottoscritto con l’agenzia privata Ica-Creset, come d’altronde accade ogni quattro anni. La Regione Molise ha rifatto la gara e il servizio della riscossione tributi se l’è aggiudicato Municipia. “Ma dato che non avevamo ufficialità sulla riscossione coattiva di Municipia – spiega l’assessore al bilancio Giuseppina Panichella – abbiamo preferito affidarci a un ente pubblico, ovvero all’Agenzia per la riscossione. Tra l’altro c’è stato un affidamento diretto trattandosi di enti pubblici”.

Il capogruppo Tramontano e i consiglieri Pascale e D’Alessandro non ci stanno e sottolineano che “siamo ancora in pandemia, le imprese muoiono, gli artigiani e i commercianti sono di fronte ad una crisi epocale, i nostri concittadini sono tramortiti da quasi due anni di privazioni, di malattie e paure. E i grillini del comune di Campobasso che fanno? Affidano la riscossione coattiva dei tributi comunali ad Equitalia, sembrano che vivano su Marte e decidono contro la propria comunità che dovrebbero invece difendere e tutelare”.

Alessandro Pascale Campobasso

I consiglieri attaccano i pentastellati sul rapporto con la cittadinanza: “I cittadini ancora una volta, dai grillini, vengono visti come nemici da combattere e sanzionare, nel nome di una concezione punitiva e una visione negativa della propria comunità cittadina. I cittadini di Campobasso non meritano un simile trattamento e noi non accettiamo, e perciò combatteremo con forza, che i campobassani, sofferenti e in crisi, finiscano nelle mani dell’Agenzia per la riscossione”.

Panichella spiega le ragioni che hanno spinto l’amministrazione a prendere questa strada: “E’ vantaggioso sia in termini economici ma anche per dare stabilità agli uffici. Cambiare ogni quattro anni gestore non è comodissimo. Noi abbiamo necessità di incassare, dato che diverse risorse sono bloccate dal fondo crediti. L’Agenzia per la riscossione ha più capacità di andare ad incassare e ha accesso a procedure che noi non abbiamo”.

Panichella assessore Campobasso

In risposta alla Lega, aggiunge che “sarà un vantaggio per i cittadini onesti che pagano le tasse, mentre ha paura chi evade. Il problema se lo pone chi non paga non chi paga. In Commissione si è parlato anche del personale di Ica-Creset che sarebbe andato a casa ma posso assicurare che per la riscossione coattiva gli uffici sono a La Spezia, non c’è alcuna persona sul territorio campobassano. Inoltre, c’è una convenienza per l’ente che risparmia notevolmente, oltre a guadagnarci in celerità e in fatto di percentuali di recupero. Infine, c’è maggiore possibilità di dilazionare nel tempo”.