Quantcast

+20 positivi, quasi il doppio in una settimana. Gravina: “Tanti anche i guariti, curva stabile”

Il consueto bilancio settimanale del sindaco di Campobasso Roberto Gravina. Per fortuna in città è stato sventato il rischio del focolaio scoppiato tra i dipendenti di un supermercato, ma nei laboratori del Cardarelli è in corso il sequenziamento per verificare la presenza della variante Delta

Sventato il pericolo di un focolaio all’interno del supermercato Oasi (i tamponi effettuati sabato sui dipendenti hanno dato esito negativo), il sindaco di Campobasso Roberto Gravina traccia il consueto bilancio settimanale dell’andamento della curva epidemiologica nella città capoluogo, dove attualmente si registra il maggior numero di contagi. Sono 31 in totale ad oggi 21 giugno 2021. Ma sono tanti anche coloro che hanno superato il virus. 

“Nella settimana che ci siamo appena messi alle spalle – ha fatto sapere il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina –, i bollettini diramati quotidianamente dall’Asrem hanno indicato che, per quanto riguarda la nostra città, sono state 18 le persone finalmente risultate guarite dal Covid e 20 i nuovi casi di positività accertati.

Si tratta di una situazione che, per quanto riguarda i numeri generali – ha aggiunto Gravina -, indica una sostanziale stabilità dei positivi totali a Campobasso. Infatti, lunedì scorso avevamo 29 cittadini positivi in città a fronte dei 31 di oggi”.

Se gli ultimi contagi sono frutto della variante Delta, si saprà nelle prossime ore: è in corso il sequenziamento nei laboratori dell’ospedale Cardarelli.

Intanto, il primo cittadino rivolge un ringraziamento al personale dell’Azienda sanitaria che si sta è adoperato per la mappatura dei contagi: “I laboratori Asrem e i loro operatori stanno compiendo quotidianamente un lavoro sempre preciso e immediato per giungere, ogni qual volta si verificano situazioni da monitorare e tenere sotto controllo, a una ricostruzione ampia della catena dei contatti”. Il riferimento probabilmente è proprio al focolaio che ha interessato il supermercato di via Insorti d’Ungheria.

Si sgonfia il focolaio del supermercato. Tutti negativi i tamponi sui dipendenti

“Ciò è un elemento di fondamentale garanzia per tutti e permette di valutare realisticamente la situazione attuale e con essa anche gli scenari quantomeno più immediati, con lucidità e in collaborazione con gli altri enti territoriali”, aggiunge il sindaco.

Infine, l’appello alla cittadinanza: “È risaputo come sia ancora estremamente necessario non solo attenersi a quanto stabilito dalle leggi che hanno come scopo esclusivamente quello di tutelare la salute dei singoli e delle comunità di appartenenza, ma anche continuare ad assumere atteggiamenti prudenziali in tutte le situazioni della vita sociale e lavorativa che stiamo riscoprendo con la giusta gradualità”.

Del resto, nei giorni scorsi proprio Gravina aveva partecipato assieme al collega di Termoli Roberti ad un incontro in Prefettura dopo gli eccessi registrati nella movida.

Notti di eccessi alcolici a Campobasso e Termoli, oltre ai controlli appello ai baristi: “Rispettate le ordinanze”