Quantcast

Johnson&Johnson, primo giorno in Molise ma non dai medici di famiglia. Ipotesi vaccini nelle località turistiche

Sfuma ancora l'ipotesi di vaccinare negli studi dei medici di base con il preparato di Johnson&Johnson. Oggi però sono partite le somministrazioni con questo vaccino monodose sia al Palaunimol che al Palairino

Sono partite oggi, dopo diverse settimane che se ne parlava, le vaccinazioni con il preparato anti-Covid della Johnson&Johnson in Molise. Ma non negli studi dei medici di base come si pensava.

Nei frigoriferi si erano accumulate 2.500 dosi, frutto di tre partite di consegne (di 800, 700 e 800 dosi) e oggi, 17 maggio, si è iniziato a inoculare questi vaccini, che hanno l’unicità di essere vaccini monodose oltre che di facile conservazione.

Al PalaUnimol di Campobasso sono stati programmati 400 appuntamenti con questo preparato, altri riguardano invece il PalAirino di Termoli. In questi due centri vaccinali le somministrazioni tanto attese sono dunque cominciate, e al Palazzetto dell’Università del Molise del capoluogo si terranno in contemporanea con le seconde dosi di AstraZeneca. Ed anche questa è una novità, la contemporanea somministrazione di due diversi farmaci.

Nulla di fatto invece per le somministrazioni del Jannsen negli studi dei medici di famiglia, che assume sempre più le sembianze di un annuncio cui non si è dato concretezza, né in Molise né nelle altre regioni.

Doveva partire oggi la somministrazione negli studi dei medici di base, una settimana dopo quello che sarebbe dovuta essere la data di avvio ufficiale. Ma anche oggi il tanto atteso start non c’è stato, e non ci sarà presto. Un accordo che non si è mai realizzato, e non solo nella nostra regione. Per quanto riguarda il nostro Molise, c’è da dire che sono pochissimi – una decina circa – i medici che hanno aderito. E in questo una parte fondamentale l’ha giocata la non adeguatezza di molti studi, con spazi non idonei.

Intanto risultano, al momento in cui si scrive, oltre 600 le dosi Janssen somministrate. Un vaccino, quello della casa farmaceutica Johnson&Johnson, che per la sua praticità – e nella conservazione e nell’utilizzo – risulta particolarmente indicato anche in vista delle prossime vacanze estive. In queste ore ci si domanda se allestire dei punti vaccinali ad hoc nelle località turistiche, sia per chi deve fare la prima dose sia per chi proprio in quei giorni avrebbe il richiamo, e magari si trova in vacanza in una regione diversa da quella di residenza.

Intanto in Molise risultano 161.200 le somministrazioni totali, di cui oltre 141mila e 100 Pfizer, oltre 32.100 AstraZeneca (o Vaxzevria), più di 14.300 Moderna e, appunto, quasi 700 Janssen.

Riguardo al vaccino dell’americana Moderna, sappiamo che questo farmaco è stato destinato in particolare alle vaccinazioni a domicilio. Dopo un lento avvio, stanno prendendo quota anche queste. In Basso Molise, precisamente a Guglionesi, venerdì 14 ha fatto capolino la squadra dell’Esercito, coordinato dal Tenente Quarantiello.

medici esercito vaccini domicilio a guglionesi

54 le somministrazioni eseguite dal team voluto dal Generale Figliuolo proprio per raggiungere gli utenti più fragili e impossibilitati a muoversi. Intanto proseguono le vaccinazioni nell’abitazione dei soggetti non autosufficienti con le squadre dell’Asrem.