Quantcast

Quella pistola trasformata per uccidere, il sequestro che preoccupa gli investigatori

Originariamente giocattolo è stata poi resa ‘offensiva’ con la sostituzione della canna e dei congegni di scatto. Sequestrati anche i proiettili. I carabinieri sono al lavoro sul materiale ritrovato nello scooter del 25enne assieme all'eroina. Non si esclude che l'arma dovesse essere consegnata a qualcuno

Fossimo stati nella provincia di Caserta o in altre della Puglia, il ritrovamento di una pistola adattata a sparare e ad uccidere, addosso ad un giovane di soli 25 anni, probabilmente non avrebbe sorpreso gli investigatori né inquietato la comunità del posto, perché  (purtroppo) situazioni frequenti che in alcune zone appartengono ad una sorta di normalità acquisita.

Ma il rinvenimento di quell’arma a Campobasso, nascosta in una tuta da ginnastica nel sellino dello scooter di un giovane di 25 anni che sì ha precedenti pendenti per droga ma che difficilmente gli stessi inquirenti credono avrebbe mai potuto usare per fare del male, ha lasciato un senso di preoccupazione e di stupore.

In giro con una pistola nel motorino e una dose di eroina: arrestato giovane di 25 anni

Lo hanno fermato nella zona dei centri commerciali e sullo scooter viaggiava assieme ad un amico quando è scattato l’alt dei carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di via Mazzini  e quindi il controllo. Nello scooter, il 25enne aveva una dose di eroina (verosimilmente per uso personale) e poi l’arma semiautomatica Bruni 96, calibro 6,35 ben oleata, modificata e trasformata in “un’arma da guerra” ammettono gli investigatori. Con cinque proiettili. Se fosse stata usata avrebbe ucciso. Era custodita in una tuta da ginnastica.

Portato in caserma, il giovane non ha voluto parlare. Ha detto che era certo fosse un’arma giocattolo ma su questa versione gli inquirenti nutrono qualche sospetto, tant’è che sono in corso indagini che viaggiano su più direzioni. Tra queste anche quella che quell’arma dovesse essere consegnata ad una terza persona.

Dopodomani intanto si terrà l’interrogatorio di garanzia e contestualmente l’udienza di convalida. Il giovane è difeso dall’avvocato Silvio Tolesino.