Quantcast

Le rubriche di Primonumero.it - In Box

Mio fratello, un mese in Rianimazione al San Timoteo. “Medici straordinari”

Più informazioni su

Gianni Guaschino se n’è andato due giorni fa, all’età di 47 anni. Il suo ultimo mese di vita l’ha passato intubato in un letto della Rianimazione del San Timoteo di Termoli.

La sorella Filomena – un anno più grande del fratello “ma siamo sempre stati come gemelli” – oggi, all’indomani dell’ultimo saluto dato al fratello a Portocannone, ci tiene a ringraziare gli operatori sanitari del nosocomio termolese che hanno assistito Gianni fino alla fine. Lei per un mese non ha potuto far visita al fratello – neanche vederlo da lontano – ma ha avuto sempre un filo diretto con lui tramite i dottori. “Mi hanno sempre informata delle sue condizioni, mi chiamavano tutti i giorni e più volte al giorno”. Il suo è un grazie sentito che estende altresì all’Amministrazione di Portocannone, in primis al sindaco Giuseppe Caporicci. “Ci hanno sempre sostenuto, al di là di quello che hanno fatto come Comune mi ha stupito la loro umanità, straordinaria come quella dei medici”.

Gianni, a detta della sorella Filomena, nell’ultimo periodo si era lasciato andare. L’ultimo dolore era stato la morte della cara mamma, a dicembre 2020. Anni fa Gianni aveva perso un figlio e questo, forse più di tutti gli altri, è stato per lui un dolore mai lenito.

Filomena ci racconta che non sempre Gianni a incontrato sulla sua strada persone disposte ad aiutarlo, a tendergli la mano. Le ha trovate però nei medici della Rianimazione del San Timoteo e negli amministratori del suo comune di residenza, cui va il ringraziamento della donna.

Più informazioni su