Quantcast

Gravina alla minoranza: “Per la prima volta questo Comune ha approvato il Bilancio di previsione nei termini”

I consiglieri comunali di opposizione in una conferenza stampa convocata nelle ultime ore avevano denunciato il “ritardo con cui è stata trasmessa agli stessi eletti la relazione dei revisori dei conti sul Rendiconto” annunciando che il voto sul documento contabile, al vaglio dell’Aula, è slittato al 18 maggio.

Roberto Gravina Campobasso

Antonio Battista aveva dichiarato che non erano stati rispettati i venti giorni per la consegna della relazione dei revisori dei conti mentre “è stata consegnata 36 ore prima, ovvero con 480 ore di ritardo”. Ma la replica del sindaco non è tardata ad arrivare.

Bilancio della discordia, Pd e Lega attaccano il M5S: “Non ha rispetto delle opposizioni”

“Va ricordato – ha detto il primo cittadino in un video – che per esperienza che abbiamo vissuto nei cinque anni precedenti, mai è stato rispettato il termine dei 20 giorni di cui una parte della minoranza oggi si lamenta”.

E a dimostrare quanto dice, sostiene ancora Gravina,  ci sono gli atti.

“Va anche spiegato – continua il sindaco – che non ho potuto partecipare ai lavori della capigruppo perché ero in prefettura dove abbiamo avuto contezza che il termine era stato prorogato al 31 di maggio”.

Quindi la precisazione che “per la prima volta, in modo consecutivo, è stato approvato il bilancio di previsione sempre nel rispetto della legge  cosa che in questo consiglio comunale non era mai accaduta da quando è entrata in vigore la nuova legge elettorale”.

E proprio per questo si è ritenuto – assecondando un diritto delle minoranze – di dover” slittare la data non per dietrofront ma per la consapevolezza che il termine prorogato ci permetteva di blindare il bilancio”.

La posizione di denuncia del Pd era stata condivisa anche dalla Lega.  Alberto Tramontano aveva infatti ammesso durante la conferenza stampa: “Se non si rispettano i consiglieri di minoranza non si rispettano i cittadini che hanno dato loro un compito”.  Trivisonno e Chierchia avevano poi acceso i riflettori sui metodi arroganti e saccenti di interlocuzione utilizzati dalla maggioranza. Ma anche su questo aspetto Gravina ha risposto: “Sono agli atti tutti i documenti proposti dalle minoranza e approvati anche da questa maggioranza”.