Quantcast

Giro d’Italia a Termoli: dal lungomare a Pozzo Dolce, tante opzioni per i tifosi. Strade chiuse e divieti

Il finale della 7a tappa della corsa rosa offre tanti punti d'osservazione agli spettatori che vorranno assistere all'evento. Chiusa solo la parte finale dalla rotatoria fra via Molise e via Martiri della Resistenza. Pubblicate le ordinanze su divieto di circolazione e di sosta per numerose strade

Da quando ieri mattina al Comune di Termoli è stato svelato il percorso della settima tappa del 104esimo Giro d’Italia che vedrà l’arrivo proprio nella città adriatica molisana, tantissimi appassionati, tifosi o semplici curiosi si stanno interrogando su quale sia il punto migliore per poter osservare la carovana rosa che percorrerà gli ultimi km della tappa di venerdì 14 maggio in territorio termolese.

La straordinarietà del percorso scelto per l’edizione 2021 è che il Giro d’Italia attraverserà alcune delle strade principali della città e il tracciato fornisce diversi ottimi punti di osservazione. Come già spiegato, i ciclisti arriveranno in Molise dal vicino Abruzzo attraversando quindi la statale 16 in territorio di Montenero di Bisaccia e Petacciato prima di accedere a Termoli appena dopo la torre diroccata di Petacciato.

Terminata la statale 16, ecco che la maglia rosa e tutti gli altri giungeranno alla Torretta alla Foce del Sinarca per proseguire sul lungomare nord.

Proprio lì, lungo i viali dedicati ad Amerigo Vespucci e Cristoforo Colombo, le persone potranno tranquillamente trovare un posto e un punto di osservazione in attesa del passaggio della carovana rosa. C’è tutto lo spazio per sistemarsi senza rischio di assembramenti e per poter scattare qualche bellissima foto, anche se bisogna tenere conto dell’alta probabilità che in quel momento, a meno di 5 chilometri dall’arrivo, il gruppo possa arrivare a forte velocità anche attorno ai 60 km orari se non di più. Una volta completato il lungomare Cristoforo Colombo i ciclisti sono attesi a uno strappo in salita che potrebbe fare una certa selezione in vista del traguardo. Si tratta della nota salita del Panfilo come è conosciuto da queste parti il primo tratto di via Mario Milano.

Proprio dalle parti di Pozzo Dolce potrebbe esserci uno dei punti di osservazione con migliore visuale visto che i ciclisti saranno costretti a rallentare per la curva a destra con inizio della salitella. C’è poi l’intero tratto di corso Mario Milano nonché tutta Piazza Garibaldi, di fronte alla stazione ferroviaria per poter trovare una postazione utile alla visione del giro d’Italia dal vivo.

Lo striscione del l’ultimo chilometro sarà posizionato invece in Corso Umberto I in prossimità di piazza Monumento. Bisogna considerare che l’ultimo tratto del tracciato verrà transennato come si è consuetudine per gli arrivi del Giro d’Italia. Quindi chi sceglierà quei punti, dovrà trovare un posto al di là delle transenne. Stesso discorso per il breve tratto di Corso Nazionale fino alla Madonnina, via Abruzzi, viale Trieste e via Molise.

Dalla rotatoria di via Molise e fino all’arrivo in via Martiri della Resistenza davanti al terminal autobus lo spazio verrà interdetto ai tifosi per creare una cosiddetta bolla covid, cioè evitare qualsiasi contatto fra i protagonisti del Giro d’Italia e il mondo esterno. Una precauzione necessaria per scongiurare che si possano registrare casi di positività al Sars-Cov-2 fra i ciclisti e gli addetti ai lavori.  Verranno chiusi al pubblico l’Open Village sistemato in Piazza Donatori di Sangue e le ultime centinaia di metri del percorso che saranno accessibili soltanto a chi sarà in possesso di pass o a crediti. Ciò non toglie che ci sia tutto lo spazio necessario per poter godere al meglio della manifestazione sportiva.

Piano Viabilità Giro d’Italia

L’altro lato della medaglia è chiaramente il fatto che diverse strade verranno interdette alla circolazione e alla sosta dei veicoli. In particolare nel giorno della tappa termolesi, quindi venerdì 14 maggio, verrà sospesa la circolazione dalle 14 alle 18 su via Vespucci, via Colombo, via Milano, Piazza Garibaldi, Corso Umberto I, corso Nazionale, via Abruzzi, viale Trieste, via Molise e via Martiri della Resistenza.

Più lungo il divieto per quanto riguarda via Martiri della Resistenza, via Molise, parcheggio del cimitero e statale 16 che vedranno la sospensione della circolazione dalle 5 alle 23 di venerdì 14 maggio.

C’è inoltre il divieto di sosta con rimozione forzata di ogni veicolo dalle 7 alle 18 di venerdì 14 maggio su ambo i lati del percorso di gara e quindi tutte le strade sopracitate.

Il divieto di sosta con rimozione forzata e divieto di transito di tutti i veicoli non autorizzati varrà inoltre dalle 22 di giovedì 13 maggio alle 23 del 14 maggio in via Molise, via Martiri della Resistenza e la Statale 16. Inoltre dalle 18 di giovedì 13 maggio alle 22 di venerdì 14 maggio per tutta Piazza donatori di sangue e il parcheggio lato ferrovia di viale Trieste. Dalle ore 21 di giovedì 13 maggio alle 19 di venerdì 14 maggio divieto di sosta con rimozione forzata anche su tutti e due i lati delle aree di parcheggio di via Olanda, via Montecarlo, via Maratona, via dello Stadio direzione piazza Olimpia fino allo stadio Cannarsa.

Identico divieto dalle ore 5 alle ore 23 di venerdì 14 maggio su un tratto di via Messico, un tratto di via Cile, via Argentina, via Stati Uniti, parcheggio del cimitero, area interessata di Piazza Garibaldi. Infine divieto di sosta con rimozione forzata anche dalle ore 19 di giovedì 13 maggio alle ore 22 di venerdì 14 maggio per l’intera area del terminal autobus. Per questo autobus e circolari vedranno il proprio capolinea in piazza Giovanni Paolo II in queste due giornate.