Quantcast

Le rubriche di Primonumero.it - In Box

Vide e credette, l’insegnamento del Vangelo di Pasqua

Più informazioni su

Pasqua di Risurrezione

Vide e credette (Gv 20,1-9).

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!». Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

 

Il Vangelo di pasqua è strano perché non c’è nessun annuncio della risurrezione (che è stato invece dato nella veglia). In questo racconto si registrano delle reazioni di fronte a un fatto per nulla soprannaturale: la costatazione che un cadavere è scomparso dalla sua tomba. Maria pensa che qualcuno lo abbia trafugato. Pietro vede ciò che è rimasto: i teli che lo avvolgevano. Non si chiede tuttavia: quale stupido trafugatore si porterebbe via un corpo togliendolo dal suo contenitore? Solo l’altro discepolo intuisce, perché dall’assenza del corpo e dalla presenza dei teli non solo deduce che a Gesù può essere accaduto qualcosa di diverso, ma lo crede fermamente perché è una conferma di ciò che aveva già detto Dio nella Scrittura.

In fondo fa un esercizio di intelligenza, interpreta i dati, non rimane alla banalità di ciò che accade sempre, ma è disposto ad aprirsi ad una novità inattesa. E’ questa capacità che manca alla maggior parte degli uomini i quali di fronte ad un evento inatteso come la pandemia continuano a ragionare in modi vecchi, oppure di fronte all’emergenza climatica dimenticano facilmente qualsiasi catastrofe meteorologica perché tanto torna sempre il sereno, non importa se magari è un caldo torrido; anzi, è un’occasione per aumentare le vacanze al mare.

quaIl vero problema è l’incapacità o la non volontà di interpretare i segni, di lasciarsi interrogare da ciò che accade e riportare tutto invece a degli schemi abituali, a risposte di comodo. E’ proprio questo che non permette di ascoltare quando Dio ci parla e, anziché curare la nostra sordità, lo rimproveriamo anche perché non parla. Il giorno della risurrezione non inizia con gli effetti speciali (e questo rende i vangeli affidabili: quale imbroglione non avrebbe fantasticato raccontando in presa diretta la risurrezione di un morto?) ma con un appello alla nostra intelligenza a non restare alle spiegazioni scontate e ad osare invece un pensiero più grande.

 

Don Michele Tartaglia

Più informazioni su