Quantcast

Vanno per la droga e trovano un arsenale: 26enni di Vazzieri denunciati. In casa caricatori, bossoli e pezzi di fucile

La Polizia di Stato del capoluogo ha fatto una perquisizione in un appartamento segnalato da tanti per un sospetto via via. Qui gli agenti hanno trovato non solo hashish e marijuana pronta per essere spacciata ma anche una sorta di arsenale. Denunciati i due giovani, sono in corso approfondimenti investigativi per capire perchè quelle armi erano lì

Non solo droga ma anche armi. É quanto trovato dalla Polizia di Stato del capoluogo nell’abitazione di due giovani, meno che trentenni.

Venerdì 23 aprile, personale della Squadra Mobile ha infatti proceduto alla denuncia in stato di libertà di due giovani di Campobasso, entrambi ventiseienni, per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio in concorso.

Da diverse settimane erano giunte numerose lamentele e segnalazioni circa un consistente e sospetto via vai di giovani in un condominio della zona Vazzieri di Campobasso. Dopo un periodo di osservazione, gli Agenti della Squadra Mobile hanno deciso di procedere alla perquisizione domiciliare in quell’appartamento oggetto delle segnalazioni.

squadra mobile droga campobasso

L’esito della perquisizione ha confermato i sospetti degli investigatori. Gli agenti hanno trovato in casa, infatti, vari grammi di hashish e marijuana oltre a materiale per la pesatura ed il confezionamento in dosi della droga.

Ma non è tutto. Nel corso della perquisizione i poliziotti si sono imbattuti in un’ulteriore scoperta, ritrovando numerosissime parti di fucili semiautomatici tra cui caricatori, bossoli e cartucce militari, otturatori e canne nonché due armi per le quali sono in corso accertamenti per stabilirne la potenzialità offensiva. Tale materiale, detenuto illegalmente, è stato sottoposto a sequestro.

Per tale motivo, uno dei due ragazzi, il proprietario dell’appartamento perquisito, è stato denunciato anche per detenzione abusiva di armi. Sono in corso approfondimenti investigativi per stabilire i motivi per i quali il giovane deteneva tali materiali.