Quantcast

Trading online: ecco le strategie e i mercati da monitorare per investire nel 2021

Più informazioni su

    Il record di Bitcoin e Wall Street ai massimi storici monopolizzano l’attenzione degli investitori, tuttavia i fattori d’incertezza richiedono un approccio prudente partendo da una corretta attività di risk management. Il boom delle piattaforme di trading ha portato nell’ultimo anno un numero sempre più elevato di persone a investire online in modo autonomo, tuttavia è necessario pianificare strategie accurate per gestire il rischio in maniera ottimale e capire quali mercati monitorare.

    Il day trading si conferma l’approccio preferito dai trader retail, in quanto consente di speculare sui movimenti dei prezzi operando anche con un capitale basso, garantendo la massima accessibilità ai mercati finanziari. Anche il growth investing sta conoscendo un momento particolarmente positivo, con molti investitori che stanno sfruttando il trend rialzista puntando sugli asset ad alto potenziale, con un focus sui titoli ciclici e le criptovalute emergenti in grado di offrire margini di crescita interessanti.

    Come iniziare a investire online in modo efficiente

    Dopo una crescita moderata degli investitori privati negli ultimi anni e il record registrato nel 2020, con molte piattaforme che hanno ottenuto un aumento considerevole degli utenti iscritti, il 2021 si è aperto con una forte richiesta per la formazione in ambito finanziario. Lo scenario globale sempre più complesso, infatti, rende necessario investire prima di tutto sulle competenze professionali, per essere in grado di gestire il capitale in modo consapevole e garantire la sostenibilità degli investimenti nel lungo termine.

    Come indicato nella guida 2021 al trading online a cura dei professionisti di Comefaretradingonline.com, chi comincia da zero oggi deve innanzitutto scegliere un broker autorizzato, valutando quali piattaforme offrono un servizio adatto alle proprie esigenze d’investimento. La maggiore accessibilità dei servizi d’intermediazione finanziaria richiede comunque un approccio prudente, verificando sempre le certificazioni dell’operatore e valutando con attenzione la qualità delle soluzioni di trading proposte dalla società specializzata.

    Tra gli aspetti principali da controllare ci sono le commissioni applicate dal broker, il tipo di asset e i mercati su cui è possibile investire, l’offerta formativa e gli strumenti per l’analisi finanziaria. Queste caratteristiche si possono testare attraverso un conto demo, un accesso spesso gratuito che consente di investire online senza utilizzare soldi reali, operando sui mercati finanziari con risorse virtuali per provare la piattaforma di trading e fare pratica senza rischi.

    Per quanto riguarda i mercati più promettenti molti trader iniziano con il trading di azioni, preferendo soprattutto i titoli di Wall Street sull’onda dei dati macroeconomici USA e delle prestazioni record del settore tech. Alcuni broker come eToro permettono di investire in azioni e ETF senza commissioni, altrimenti è possibile utilizzare i CFD per speculare sulle fluttuazioni dei prezzi usando l’analisi tecnica per determinare le strategie più efficaci. I contratti per differenza sono molto apprezzati per investire su asset come le commodities, gli indici, i cross valutari Forex e le criptovalute, ad ogni modo è importante trovare lo stile di trading più adeguato alle proprie necessità e competenze.

    Trading online e investimenti: quali sono le differenze?

    Spesso i trader neofiti tendono a confondere il trading online e gli investimenti, due attività per certi versi simili sebbene siano diametralmente opposte in quanto a metodologie operative. Investire prevede in genere l’utilizzo di orizzonti temporali di lungo termine, ad esempio creando un portafoglio di azioni e mantenendo i titoli per alcuni mesi o diversi anni. Ovviamente si possono adottare diversi approcci, tra cui quelli principali sono il growth investing e il value investing, inoltre è possibile investire non solo in azioni ma anche in ETF, fondi, piani di accumulo, fondi pensione e molti altri strumenti finanziari.

    Con il trading online si investe online con prospettive di breve o medio termine, cercando di ottenere un rendimento dall’apertura e chiusura di posizioni in un lasso di tempo corto, che può andare da pochi minuti fino ad alcune giornate o qualche mese. La preferenza per il breve periodo è legata ai costi applicati dai broker, infatti effettuare un’operazione nella stessa giornata consente di non pagare commissioni aggiuntive ma appena uno spread sull’eseguito, altrimenti bisogna considerare i costi di overnight per mantenere aperta la posizione oltre le 24 ore.

    Nulla vieta di operare sia con il trading online sia con investimenti di lungo termine, tuttavia è importante soprattutto all’inizio concentrarsi su una strategia e migliorare le proprie competenze in quel tipo di attività specifica, mantenendo un approccio basato sulla diversificazione degli investimenti e la corretta gestione del rischio. La scelta è del tutto personale ad ogni modo bisogna considerare alcuni aspetti tra cui il capitale a disposizione, le conoscenze in ambito finanziario e il tempo da dedicare agli investimenti, per essere in grado di individuare la soluzione più adatta alle proprie esigenze e in linea con la propensione al rischio che si è disposti ad accettare.

    Più informazioni su