Quantcast

Ripartono i contagi negli istituti di Campobasso. Anche gli autisti degli scuolabus saranno vaccinati

Dopo i casi riscontrati in due classi dell'istituto comprensivo Montini, oggi sono emerse alcune positività in alcune del convitto 'Mario Pagano'. Mentre è in corso come di consueto la ricostruzione della mappa epidemiologica per accertare l'origine del contagio che potrebbe essere legata alle vacanze di Pasqua o al rientro in presenza. Intanto, dopo la richiesta della Lega, il Municipio del capoluogo ha inviato all'Asrem i nominativi del personale che guida i pullmini e che ha aderito alla campagna di immunizzazione.

Non si sa se le vacanze di Pasqua possano aver avuto un peso specifico o se il rientro in presenza abbia favorito la diffusione del virus. Ad ogni modo, nel giro di due giorni vi raccontiamo di un’altra scuola di Campobasso in cui sono emersi dei casi di positività tra gli alunni: si tratta del convitto ‘Mario Pagano’ che fa seguito alle infezioni al Sars-Cov-2 riscontrate all’interno dell’istituto comprensivo ‘Montini’ dove due classi sono state poste in dad.

Come da protocollo, le autorità scolastiche e quelle sanitarie si sono mosse per accertare ulteriori diagnosi avviando la mappatura dei contatti. Quasi sicuramente nei prossimi giorni saranno previsti tamponi molecolari per il personale scolastico, oltre che per gli alunni.

La ripartenza dei contagi ha comprensibilmente messo in apprensione i genitori degli scolari: certo, da una parte molti auspicavano il rientro in classe dei figli che vedevano esausti dopo mesi di lezioni on line andate avanti quasi ininterrottamente da Natale a Pasqua. Dall’altra parte però gli stessi genitori avrebbero preferito che venisse organizzato uno screening generale prima del 7 aprile, la data del rientro in classe dopo le festività pasquali, come avvenuto in altri centri della regione.

In questo modo si sarebbe potuto avere un quadro della curva epidemiologica nella popolazione scolastica di Campobasso. Probabilmente non sarebbe comunque emersa una fotografia completa perché il tampone antigenico non rileva le varianti (da tempo predominanti in Molise, come in tutta Italia) e il test molecolare fornisce un’istantanea.

Un altro ‘punto’ a favore del virus è legato alla completa copertura vaccinale di tutto il personale scolastico che aveva dato la propria adesione. Con il cambio di rotta da parte del Governo e la nuova classificazione della popolazione da immunizzare in via prioritaria in base all’età, qualche decina di insegnanti non ha ricevuto l’iniezione del farmaco anti-covid.

Scuola, stop ai vaccini ma in Molise il problema non c’è: immunizzato il 99% di prof e personale

C’è però una buona notizia: a breve saranno vaccinati gli autisti degli scuolabus di Campobasso, particolarmente esposti al contagio. L’amministrazione Gravina ha inviato ad Asrem la lista delle persone che hanno aderito alla campagna di immunizzazione. Dopo la segnalazione del primo cittadino del capoluogo dello scorso 8 aprile, l’Azienda sanitaria “ci ha richiesto i nominativi degli autisti da includere nella campagna vaccinale. Il 16 marzo li abbiamo trasmessi integralmente. Siamo quindi ora in attesa – ha detto il sindaco di Campobasso – che il piano di vaccinazione stabilito dall’Asrem possa concretizzare in proposito quanto da noi richiesto”.

Gravina ha risposto in questo modo alle nuove sollecitazioni dei consiglieri della Lega Tramontano, Pascale e D’Alessandro che in una nota hanno chiesto di includere anche questa categoria tra quelle da vaccinare.

“La scuola è ripartita, i bambini e i ragazzi sono tornati in classe, i docenti ed il personale Ata hanno ripreso le attività in presenza dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino per contrastare il Covid-19. Se i bambini e i ragazzi della primaria e della secondaria di primo grado – afferma il capogruppo della Lega Alberto Tramontano – possono raggiungere in sicurezza le sedi scolastiche, lo si deve anche al lavoro discreto e indispensabile degli autisti degli scuolabus, che indirettamente fanno parte della grande e fondamentale comunità scolastica locale”.

Tramontano e Pascale

Qualche preoccupazione era stata creata dal contagio su uno dei mezzi della linea Campobasso-Busso emerso qualche giorno fa. 

Tuttavia, la necessità di immunizzare il personale che guida i pullmini era stata già sollevata da 103 sindaci, con in testa quello di Petrella, Alessandro Amoroso. I primi cittadini avevano inviato un’apposita richiesta al Governo e al commissario nazionale all’emergenza covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo.

Vaccini per autisti scuolabus, accompagnatori e personale mensa scolastica: appello dei sindaci al Governo

(sp)