Quantcast

Poco personale e troppi anziani presenti in Rsa e Case di riposo: 4 irregolari, chiusa una struttura

Dai controlli dei Nas di Campobasso in 21 attività del Molise sono emerse diverse carenze: segnalati all'autorità sanitaria e amministrativa 4 legali responsabili di altrettante strutture ricettive per anziani. Una di queste deve trasferirli al più presto

Poco personale e troppi pazienti presenti all’interno della struttura. Per questo una casa di riposo dell’hinterland di Campobasso ha subito un provvedimento di chiusura per il quale è costretta adesso a trasferire i 14 anziani ospiti assistiti.

È uno dei risultati conseguiti dai NAS che in concomitanza con le festività pasquali hanno svolto in tutta Italia un’intensa campagna di controllo per accertare il rispetto dei livelli di assistenza e di cura nelle strutture socio sanitarie e ricettive per anziani. I carabinieri del nucleo antisofisticazione di Campobasso hanno operato in tutto il Molise, dove sono state segnalati all’autorità sanitaria e amministrativa 4 legali responsabili di altrettante strutture ricettive per anziani. Due si trovano in provincia di Isernia e altre due in provincia di Campobasso, di cui una nell’area frentana.

Dalle verifiche dei militari è emerso che tutte queste case di riposo non avevano un numero sufficiente di personale pronto ad assistere gli anziani. In particolare gli Oss erano in numero inferiore rispetto a quello stabilito dalla legge in rapporto agli ospiti presenti che invece erano di più rispetto alla capienza per la quale è autorizzata l’attività. Sono state riscontrate anche condizioni di carenze organizzative e assistenziali fra cui la cattiva conservazione dei farmaci.

Oltre a queste quattro segnalazioni che sono arrivati al culmine di un totale di 21 strutture controllate, per una Casa di riposo è scattata l’emissione del provvedimento di chiusura. La struttura che si trova nei dintorni di Campobasso non può adesso ricevere altri pazienti e nell’arco di 20 giorni deve trasferire tutti i 14 anziani in una sistemazione diversa. Nel caso non ottemperasse a quest’obbligo, scatterebbe la chiusura della Casa di riposo.

In totale sul territorio nazionale dal 2 al 6 aprile i carabinieri del NAS hanno ispezionato 337 strutture tra residenze assistenziali assistite, case di riposo, comunità alloggio e case famiglia individuando 56 irregolarità.

Sono state contestate 16 sanzioni penali e 50 amministrative su tutta la Penisola, per presenza di anziani superiore alla capienza massima autorizzata, locali inadeguati, inosservanza delle misure anti covid-19 come la sanificazione periodica e la formazione del personale sulla prevenzione della diffusione del contagio.

Quattro in tutto le strutture ricettive che sono state chiuse perché attivate o condotte abusivamente e gravemente deficitarie per l’aspetto sanitario o le garanzie di sicurezza per gli ospiti.