Quantcast

Pasqua e Pasquetta, supermercati chiusi a Larino e San Martino. Termoli, lungomare interdetto – LE ORDINANZE

In aggiornamento. I provvedimenti dei sindaci per le festività pasquali contro il rischio di diffusione del contagio.

I tre giorni di zona rossa previsti dal governo a livello nazionale, con restrizioni da sabato 3 aprile a lunedì 5, non sono sufficienti a garantire il livello di sicurezza necessario secondo diversi sindaci molisani, che hanno ritenuto di aggiungere ulteriori chiusure con specifiche ordinanze comunali.

A Termoli il primo cittadino Francesco Roberti ha stabilito l’interdizione del lungomare nord e sud, con divieto di accesso alla spiaggia, per non vanificare gli sforzi prolungati ei due mesi di zona rossa ed evitare il più possibile il rischio di assembramenti. Dunque nella cittadina costiera niente passeggiate in riva al mare, niente giri a piedi e in bicicletta.

Scampagnate vietate, pranzi in famiglia permessi: le regole per le 72 ore rosse. Termoli, spiaggia chiusa da sabato a Pasquetta

 

A Larino il sindaco Pino Puchetti ha invece chiuso il cimitero comunale per i giorni di domenica e lunedì ma anche, con apposita ordinanza firmata ieri, tutti i negozi che potrebbero restare aperti in deroga alla norma che regola le attività commerciali. A Pasqua e Pasquetta pertanto resteranno chiusi “i supermercati, i negozi di generi alimentari e tutte le attività di somministrazione di alimenti e bevande -anche in forma itinerante-, con divieto di effettuare la vendita per asporto e/o con consegna a domicilio”. I trasgressori saranno multati con sanzioni amministrative che possono arrivare a 500 euro.

Ordinanza Pasqua e Pasquetta LARINO 

Anche il sindaco di San Martino in Pensilis Gianni Di Matteo ha deciso di chiudere, per gli stessi giorni, supermercati e attività di vendita di beni alimentari nonché tutti i negozi che si trovano sul territorio comunale ad eccezione naturalmente delle farmacie e delle stazioni di rifornimento carburante.

A Ripalimosani il sindaco Marco Giampaolo ha pubblicato l’ordinanza sindacale n. 13/2021 con la quale si chiudono fino al 2 maggio tutti i parchi comunali (Quercigliole comprese) al fine di evitare assembramenti soprattutto nei ponti di aprile e del 1^ maggio.
Poi un appello alla cittadinanza: “Vi ricordo ed esorto ad evitare gli assembramenti in case private e a tenere comportamenti non superficiali come fatto finora dalla stragrande maggioranza della comunità ripese (e vi ringrazio per questo)”.