Quantcast

Incastrato falso nutrizionista: ‘spillava’ fino a 300 euro prescrivendo farmaci su Facebook e Whatsapp

L'uomo, un magazziniere che risiede nel Nord, è stato 'pizzicato' dai Carabinieri di Forli del Sannio e segnalato all'autorità giudiziaria per i reati di esercizio abusivo di una professione sanitaria e truffa.

Riusciva a ‘spillare’ fino a 300 euro ai clienti a cui prescriveva farmaci e integratori tramite Facebook e Whatsapp. In realtà era un finto nutrizionista, come hanno accertato i carabinieri della Stazione di Forli del Sannio, nell’ambito di verifiche eseguite nei confronti di professionisti che si propongono per la vendita online di preparati terapeutici.

L’uomo in realtà è un magazziniere che risiede in una regione del nord Italia. Il millantatore si era dichiarato biologo nutrizionista ed era riuscito a crearsi una cerchia di affezionati clienti che versavano sulla sua carta poste-pay i soldi per acquistare farmaci e integratori dopo consulenze svolte tramite le piattaforme  informatiche e di messaggistica messanger e whatsapp.

Diverse le persone finite nella rete del falso nutrizionista che esercitava abusivamente la professione sanitaria, per cui è richiesta una speciale abilitazione dello Stato.

Come ricostruito dai Carabinieri, l’uomo è riuscito a farsi corrispondere mensilmente per le sue prestazioni, consulenze e prescrizioni, somme che oscillano tra i 150 e i 300 euro per i prodotti farmaceutici prescritti che in alcune occasioni spediva a domicilio dei prodotti. In altri casi, il truffatore forniva ai clienti i recapiti di farmacie online per l’acquisto diretto degli stessi.

Il finto biologo è stato pertanto segnalato autorità giudiziaria per i reati di esercizio abusivo di una professione sanitaria e truffa.