Quantcast

Il bilancio del governo Toma parte male. M5S: “500 milioni di debiti e stop dai revisori”

Si scalda il clima in vista della sessione bilancio che inizierà lunedì 26 aprile in Consiglio regionale. I pentastellati rilanciano: "Presenteremo emendamenti per tagliare i costi della politica e destinare i soldi risparmiati con l'eliminazione della surroga al fondo per la non autosufficienza, ai trapiantati, ai dializzati e al diritto allo studio"

Le premesse ci sono tutte: si prevede una sessione di bilancio infuocata in Consiglio regionale che si riunirà da lunedì 26 aprile. E dopo il capogruppo del Pd Micaela Fanelli, anche il giudizio del Movimento 5 Stelle è molto negativo.

“Ci avviciniamo alla sessione di bilancio con un’unica certezza: sulle nostre teste gravano debiti per circa 500 milioni di euro. Per ora. Perché ci sono ancora debiti ingenti che devono venire a galla, come i 7 milioni dovuti a Molise Dati o, peggio, i 40 milioni di sanzioni e interessi sui debiti previdenziali delle disciolte Asl”, evidenziano Andrea Greco e i suoi colleghi.

Il presidente Donato Toma ha dichiarato nei giorni scorsi alle tv locali che in Aula dirà di chi si sono le colpe del disastro dei conti regionali. Per l’opposizione pentastellata è “una ‘caccia alle streghe’ per capire chi ci abbia portati nel baratro. Più che cercare alibi e colpevoli in chi c’era prima, il governo Toma può iniziare con un mea culpa. Infatti, accanto al presidente contabile siedono più o meno gli stessi protagonisti che hanno partecipato agli ultimi tre governi regionali. Ma se il presidente pensa ci siano gravi colpe sul debito molisano, faccia i nomi e denunci”.

Il bilancio del terzo anno di legislatura Toma parte con una serie di criticità che i 5 Stelle evidenziano: “Abbiamo un problema: la mancanza di trasparenza amministrativa, anche nei confronti degli organi preposti alla vigilanza sulla regolarità contabile. È lo stesso collegio dei revisori a segnalarlo, bocciando il bilancio previsionale 2021-23.

Da un punto di vista politico, oltre al debito crescente ci sono altri problemi che pesano sul futuro del Molise. Questa giunta – così come l’intera maggioranza – manca di una qualunque visione a lungo termine. Nel Documento di Economia e Finanza Regionale (Defr) si dovrebbe disegnare, numeri alla mano, il percorso da seguire negli anni a venire, un’idea di dove si vuol portare la regione. Eppure, non vi si trova un solo impegno che parli di transizione ecologica. Un fiume di denaro arriverà in Molise col Recovery Fund, ma questo governo regionale ci sembra incapace di sfruttare le enormi potenzialità della transizione energetica, ecologica, ambientale. Manca ancora un piano paesaggistico, una legge urbanistica, un piano di difesa del suolo, un piano cave, un piano rifiuti aggiornato. Tutti provvedimenti alla base dello sviluppo sostenibile, che in questi tre anni non sono stati nell’agenda politica di Toma, nonostante gli impegni assunti in Consiglio”.

Nella sessione di bilancio i pentastellati presenteranno “proposte chiare per una rigenerazione urbana, per la mobilità sostenibile, per la valorizzazione dei nostri borghi” dal momento che “serve un decisivo cambio di passo in tema ambientale. Se il Molise vuole sopravvivere, c’è bisogno di politiche che incentivino le piccole produzioni energetiche, l’auto-consumo, le ‘comunità energetiche’. Temi già affrontati in altre regioni, ma che alla politica molisana suoneranno come nuovi. O, forse, come capricci da ecologisti. Per uno sviluppo più armonico ed un benessere diffuso, bisogna dire basta ai grandi impianti, alle big companies. Si deve fare rete. Investendo anche nella transizione digitale, nell’informatizzazione della pubblica amministrazione, nello sviluppo culturale e nel turismo sostenibile. Altro che ‘South beach’, bisogna sostenere la forza propulsiva degli operatori turistici, delle piccole aziende ricettive disseminate sul nostro bellissimo territorio, delle aziende molisane. Il Molise non deve fare altro che valorizzare le proprie risorse, fatte di bellezze autentiche e a misura d’uomo, scommettendo su di esse. Investendo su di esse. Tutti questi macro-temi sono stati tradotti in emendamenti, che presenteremo nella tre giorni di bilancio”.

L’auspicio dei grillini è che la maggioranza di centrodestra in Consiglio regionale sostenga le loro proposte: “Sperando che, invece di continuare con lo scaricabarile, Toma e la sua maggioranza sappiano coglierne le enormi potenzialità. Ma la sensazione è che siamo intrappolati in politiche d’altri tempi, in sprechi e mancanza di prospettiva. Attendiamo ancora la definitiva chiusura delle Comunità Montane che, in liquidazione da oltre un decennio, gravano ancora sulle tasche dei molisani. Continuiamo a pagare, profumatamente, gli affitti delle diverse sedi regionali sparse sul territorio. E ancora auto blu, stipendi da capogiro, rimborsi vari. Se Toma e i suoi non sono disposti ora a dare un segnale di vicinanza ai tantissimi cittadini in difficoltà, quando lo saranno?

Per questo, proporremo ancora una volta un taglio decisivo ai costi della politica. Faremo il possibile affinché gli impegni presi in precedenza vengano rispettati. Pensiamo ad esempio a quanto abbiamo ottenuto proprio un anno fa, in sede di bilancio: destinare i soldi risparmiati con l’eliminazione della surroga al fondo per la non autosufficienza, ai trapiantati, ai dializzati e al diritto allo studio.

È giunto il momento di guardare al futuro. In caso contrario, meglio fare un passo indietro”.