Quantcast

Da mercoledì il punto vaccinale del Cardarelli si allarga: in uso i locali attigui all’eliporto

Nei giorni scorsi gli utenti chiamati a sottoporsi alle vaccinazioni presso l’ospedale Cardarelli avevano lamentato assembramenti e spazi ridotti a ridosso dei locali dove si eseguono i vaccini. Da mercoledì il punto vaccinale dell’ospedale civile si allarga.

Saranno allestiti, infatti, i locali attigui all’eliporto con un ingresso e con una sala d’attesa più ampia che consentirà anche di rispettare il distanziamento previsto e dunque dovrebbero evitarsi quindi gli assembramenti di cui gli utenti si erano lamentanti.

Ressa al Cardarelli per fare il vaccino: “Con questa disorganizzazione rischiamo la pelle”

Ma c’è da dire, tuttavia, che organizzazione della struttura sanitaria a parte, la folla che si crea in occasione delle vaccinazioni è dovuta anche ad abitudini sbagliate di molti cittadini. Alcuni infatti non rispettano l’orario dell’appuntamento e spesso si recano sul posto anche due ore prima del previsto, certi di poter essere sottoposti prima del dovuto all’inoculazione della dose. Ma non funziona propriamente così: i vaccini vengono somministrati su appuntamento. Recarsi in uno dei tre punti a disposizioni in città delle ore prima del previsto, per di più accompagnati dall’amica, dalla zia o dalla sorella, non aiuta l’organizzazione nè permette di rispettare rigorosamente le regole.

A maggior ragione, anche in virtù di questa nuova ed ulteriore sistemazione del punto vaccinale dell’ospedale Cardarelli che partirà da mercoledì prossimo, è opportuno capire che se si rispettassero gli orari – oltre che il distanziamento e l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza – funzionerebbe, probabilmente, tutto molto meglio.