Quantcast

Collegamento Rio vivo-parco: bocciato il progetto del mini tunnel, verrà sistemato percorso esistente

L'opera avrebbe richiesto altri 700mila euro, approvata quindi l'alternativa con la sistemazione a raso di un tratto ciclopedonale. Verranno così idealmente connessi, tramite la Passeggiata esistente, il Borgo antico e il polmone verde della città

Se il progetto del famoso tunnel di Termoli è finito nel dimenticatoio, il mini tunnel sotto la ferrovia che avrebbe dovuto collegare Rio vivo al parco comunale è stato definitivamente accantonato. Ma questo non vuol dire che il percorso non verrà completato, bensì è stata scelta una soluzione diversa per realizzare l’ultimo tratto di un tracciato ciclabile e pedonale che dal paese vecchio di Termoli passando lungo la passeggiata di Rio Vivo arriva fino a uno degli ingressi del parco comunale Girolamo La Penna.

Lo scorso 19 aprile il Dirigente comunale ai lavori pubblici Gianfranco Bove ha firmato la determina con cui approva il progetto esecutivo che ha come oggetto ‘Interventi di miglioramento Accessi parco comunale sito turistico del Borgo antico’. Si tratta di un intervento per il quale il Comune si era candidato nel 2017 a ottenere dei fondi regionali riuscendo ad accaparrarsi una cifra pari a 211.000 dei 400.000 euro totali relativi all’intervento.

Dopo la progettazione, i lavori verranno messi a base d’asta per 309.000 euro e il Comune ha già stabilito che verranno individuate cinque ditte del settore edile da invitare a gara per la realizzazione dell’opera.

Porto turistico Termoli bici

Inizialmente il progetto avrebbe dovuto prevedere una piccola galleria di circa 45 metri di lunghezza sotto la ferrovia, dalle parti dell’hotel Giorgione. Sarebbe stato una sorta di sbocco finale della passeggiata che parte alle spalle della sede della Capitaneria di porto e arriva fino al Circolo della Vela, sormontando le due gallerie di viale Marinai d’Italia e regalando un paesaggio da cartolina con vista sul porto turistico e, più in lontananza, sul Gargano.

Ma dopo l’indagine geologica effettuata sul campo e le verifiche portate avanti dal progettista, l’architetto Vincenzo Ricci in qualità di capogruppo del raggruppamento temporaneo di professionisti, sono emerse diverse criticità per la complessità e la particolarità dell’intervento.

indagine geologica carotaggi mini tunnel parco termoli

I contatti intercorsi con i tecnici di RFI hanno evidenziato che per eseguire il minitunnel si sarebbe dovuto costruire un sistema di sostegno dei binari, il che avrebbe comportato una spesa aggiuntiva molto maggiore rispetto a quanto preventivato. Addirittura ci sarebbero voluti altri 700.000 per un totale di un milione e 100.000 euro necessari a completare l’intera opera.

Alla luce di questo, il Comune ha optato per l’accantonamento dell’idea del mini tunnel e lo studio di una soluzione alternativa che è stata da poco approvata. L’alternativa consiste nello sfruttare il percorso esistente con la sistemazione a raso di un lungo tratto del percorso ciclopedonale che dall’interno del parco comunale si collegherà al litorale di Rio vivo e – quindi indirettamente al Borgo – tramite il passaggio esistente in viale Marinai d’Italia dove oggi dal marciapiede lato destro della salita di viale Marinai d’Italia è già possibile infilarsi all’interno del parco comunale e percorrerlo sia in bici che a piedi.

La Regione Molise è stata messa al corrente della variazione del progetto e ha dato parere positivo. Il termine per la chiusura del finanziamento resta fissato al 17 novembre prossimo, quindi rimangono pochi mesi per avviare il cantiere che porterà al completamento di un tratto di pista ciclopedonale con una larghezza di 3 metri e mezzo e una lunghezza di 160 metri.