Quantcast

Centinaia di pneumatici nel bosco, l’assessore Cretella: “Gettati lì dai gommisti” foto

Durissime le parole del titolare all'Ambiente del Comune di Campobasso dopo l'ultima imponente operazione di bonifica avvenuta nella località che si trova nei pressi di contrada Tappino. "Non è la prima volta che avviene, siamo di fronte ad un'attività illegale", il suo commento

Sono state necessarie tre squadre della Sea Servizi e Ambiente spa per bonificare l’Acqua Zolfa, località di Campobasso nota perchè soprattutto d’estate è meta di giovani e famiglie che cercano un po’ di relax nell’area verde di contrada Tappino. Qui, nascosti tra la vegetazione, c’erano tantissimi pneumatici abbandonati illegalmente. “Ne erano a centinaia, forse a migliaia”, racconta l’assessore all’Ambiente del Comune di Campobasso Simone Cretella alla fine dell’importante operazione e difficoltosa. Gli operatori della ditta che si occupa dei rifiuti nel capoluogo, unitamente al personale sia del settore Rifiuti che del settore Verde, hanno lavorato per recuperare le gomme anche con l’ausilio di imbracature, all’interno del vallone per riportare in superficie il materiale rinvenuto.

Pneumatici abbandonati acqua zolfa Campobasso Sea ambiente rifiuti

L’esponente della Giunta M5S di Palazzo San Giorgio ipotizza anche i possibili responsabili di quello che – ricordiamo – è un reato ambientale, per il quale possono scattare anche denunce da parte degli organi preposti: “L’area era invasa da centinaia, forse migliaia di copertoni, chiaramente sversati illegalmente da gommisti e operatori del settore“.

Lo smaltimento degli pneumatici ha un costo notevole. E spesso si cerca di risparmiare abbandonandoli nelle zone più al riparo da occhi indiscreti (e dalle telecamere che in passato hanno consentito di incastrare i furbetti) nonostante l’enorme danno provocato all’ambiente e all’intera collettività che dovrà poi sostenere comunque lo smaltimento.

Pneumatici abbandonati acqua zolfa Campobasso Sea ambiente rifiuti

“Purtroppo – ha aggiunto l’assessore – siamo davanti ad una vera e propria attività criminale che, ancora una volta smaschera, anche nella nostra città, i loschi traffici che si celano dietro al commercio dei pneumatici; non è la prima volta, infatti, che la zona di Tappino viene bonificata da sversamenti di migliaia di copertoni, segnale lampante che la filiera acquisto/vendita presenta evidenti falle e che, in particolar modo per ciò che concerne lo smaltimento, sono tanti i malintenzionati che, bypassando le procedure previste dalla legge, ci lucrano in maniera indiscriminata a danno dell’ambiente e della collettività”.

Fra l’altro oltre ai copertoni sono state rinvenute anche cataste di rifiuti ingombranti e vecchi elettrodomestici, “ormai stratificati da tantissimi anni ed in parte inglobati dalla folta vegetazione”, dice ancora il titolare dell’Ambiente.

Tre carichi di copertoni sono stati trasportati nell’isola ecologica di Campobasso. “Almeno altrettanti ne saranno necessari fino al termine delle operazioni che, presumibilmente, dureranno ancora per molto, viste le condizioni proibitive”, conclude Cretella che elogia “lo straordinario impegno degli operatori della Sea che senza risparmio di energie stanno dimostrando, oltre che senso del dovere, anche un sincero spirito di servizio nello svolgere mansioni che certamente esulano dall’ordinaria attività lavorativa”.