Quantcast

Avevano rubato due auto in pieno centro a Campobasso, un arresto e una denuncia. Feriti due finanzieri

Il 19enne che ieri insieme ad un complice di 17 anni, provenienti da San Severo, aveva rubato una Fiat 500 in via XXIV Maggio è stato arrestato.

Il minore invece è stato denunciato in stato di libertà. I due sono stati colti in flagranza di reato e sono quindi accusati di rapina impropria e possesso di arnesi atti allo scasso il primo, e di tentato furto in concorso e porto abusivo di oggetti atti ad offendere il secondo.

Polizia Campobasso arresto furto auto via XXIV Maggio

Alle 17 di ieri pomeriggio, la sala operativa della  Questura, a seguito di segnalazione sulla linea 113  da parte di un cittadino, ha inviato un equipaggio della Squadra Volante in questa via  XXIV Maggio,  perché era stata notata la presenza di alcuni ragazzi che tentavano di rubare una Fiat Cinquecento lì parcheggiata, fornendo le caratteristiche cromatiche.

Guardia di Finanza Polizia Campobasso arresto furto auto via XXIV Maggio
Polizia Campobasso arresto furto auto via XXIV Maggio

L’equipaggio della squadra volante, giunto sul posto è stato poi informato via radio dall’operatore della sala operativa che l’autovettura in questione era stata vista allontanarsi,  pertanto gli operatori si sono diretti verso via Colle dell’Orso e giunti all’intersezione con la Statale 645, hanno notato sopraggiungere  dal centro cittadino con direzione Foggia, una Fiat cinquecento avente le stesse caratteristiche di quella precedentemente segnalata, che procedeva a forte velocità, pertanto si lanciavano al suo inseguimento, con l’utilizzo dei dispositivi di segnalazione di emergenza visivi ed acustici, con l’ausilio di una seconda volante giunta nel contempo.

L’inseguimento si è protratto lungo la Statale, mentre la sala operativa diramava le ricerche anche alle altre forze dell’ordine; in tale ottica un equipaggio della Guardia di Finanza della Compagnia di Campobasso, composto da 3 operatori,  si è piazzata al bivio di Gambatesa, bloccando al suo arrivo l’autovettura rubata, da cui è sceso dal lato guida un ragazzo, che ha iniziato a brandire un cacciavite contro gli operatori. Il 19enne ha colpito uno dei finanzieri al braccio sinistro, causandogli  una ferita guaribile in 14 giorni, mentre altri gli due finanzieri sono stati colpiti con calci e pugni che hanno procurato lesioni guaribili rispettivamente in 10 e 4 giorni.

A questo punto il giovane è stato arrestato e condotto in Questura, dove si recava anche la proprietaria dell’autovettura per sporgere denuncia.

E’ stato inoltre accertato che l’arrestato non aveva mai conseguito la patente, pertanto gli è stata contestata la relativa sanzione prevista dall’articolo 116 del Codice della strada nonché  la violazione della normativa  covid-19, per spostamento ingiustificato dal comune di residenza, per una somma complessiva di 5.400 euro.

La Fiat cinquecento è stata sottoposta a sequestro per ulteriori accertamenti, mentre l’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Lanciano, su disposizione del Pm di turno della locale Procura della Repubblica.

Dovrà rispondere del reato di rapina impropria per aver adoperato violenza nei confronti del personale della Guardia di Finanza.

Nello stesso contesto gli agenti della squadra mobile, alla ricerca di eventuali complici dell’arrestato, alle 18 hanno bloccato una Fiat 500 vecchio modello di colore azzurro, con a bordo tre giovani, che a tutta velocità attraversava via XXIV Maggio in direzione via Ciccaglione; nonostante l’intimazione  dell’alt,  gli stessi si sono lanciati in una folle corsa in direzione del centro cittadino, noncuranti delle segnalazioni sonore e visive del personale operante.

Rubano una Fiat 500 a Campobasso, inseguiti e fermati da Polizia e Baschi Verdi: uno è minorenne

L’ inseguimento è proseguito per via Ciccaglione, Via XXV Aprile, via Colitti dove l’auto in questione si è fermata bruscamente; a questo punto sono scesi due giovani che hanno iniziato a scappare mentre l’auto proseguiva la sua corsa in direzione di via Mazzini e via Umberto dove è stata finalmente bloccata ed alla sua guida è stato trovato un giovane privo di documenti, condotto in Questura per l’identificazione, dove se ne accertava la minore età. Lo stesso, già gravato da numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, all’esito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico e di due telefoni cellulari, debitamente sequestrati.  Veniva inoltre accertata la pregressa conoscenza e la complicità con l’arrestato.

Il  Sostituto Procuratore presso il Tribunale dei Minori di Campobasso, Rossana Venditti, ha disposto l’affido del ragazzo al padre e lo ha denunciato.