Quantcast

Vigili ancora senza vaccino, l’associazione di categoria sollecita “azioni concrete”

Sollecito dell'Amopol alla cabina di regia sui vaccini del Molise per immunizzare gli agenti della Municipale del Molise che rischiano come le altre forze dell'ordine sul campo. Per loro non è ancora possibile prenotare il siero anti Covid 19

Ancora un sollecito per la vaccinazione anti Covid 19 dei vigili urbani arriva dalla più numerosa associazione di categoria Amopol (associazione molisana polizia locale). In una lettera inoltrata ai massimi rappresentati regionali della sanità  il presidente Domenici Esposito e il suo vice Pietro Cappella (che è anche comandante del Corpo a Termoli) pungolano la cabina di regia molisana sulle vaccinazioni affinché attivino i protocolli vaccinali in via prioritaria anche per i vigili che sono, a tutti gli effetti, forze dell’ordine seppur contrattualizzati come dipendenti municipali.

Come aveva già ricordato Luigi Sabatelli del sindacato DiCcap qualche giorno fa gli agenti della municipale sono molto esposti al rischio della malattia proprio perché si trovano sul campo “a far rispettare provvedimenti regionali, comunali e governativi in ambito sanitario” come rimarcano anche dall’Amopol.

L’appello sembrava fosse stato raccolto dalla Regione Molise e dal Comune di Campobasso (e dal suo comandante Luigi Greco) che avevano sollecitato anche loro le vaccinazioni che sono, tra le altre cose, già previste dal piano strategico nazionale. Ma nulla è cambiato e non è ancora possibile prenotare il siero sulla piattaforma dell’Asrem.

Vigili esclusi dal piano vaccinale, ora tutti a chiedere maggiori tutele anche per loro

Ecco perché oggi l’Amopol chiede parità di trattamento con le altre forze dell’ordine per le quali le prenotazioni sono partite dal 27 febbraio scorso.