Terremoto Croazia, raccolti 6mila euro. Il vescovo De Luca ringrazia i fedeli

Insieme ai cinquemila euro messi a disposizione dalla diocesi le risorse saranno utilizzate dalla Caritas italiana per acquistare moduli abitativi per gli sfollati

Più informazioni su

Il 29 dicembre 2020 alle ore 12.19 un potente terremoto di magnitudo 6.2 ha colpito la Croazia con epicentro nella cittadina di Petrinja, a circa 50 km dalla capitale Zagabria. La violenza è stata tale che il terremoto è stato avvertito anche in Bosnia e Erzegovina, Serbia, Ungheria, Slovenia, Austria, oltre che in molte regioni italiane. Circa diecimila le persone rimaste senza un’abitazione. Fin da subito si sono attivati gli aiuti necessari.

Nella lettera per la solennità dell’Epifania il vescovo della diocesi di Termoli-Larino, mons. Gianfranco De Luca, sottolineando la necessità di essere “artigiani della cultura della cura”, esprimeva il cordoglio per quanto accaduto in Croazia e proponeva a tutte le comunità parrocchiali e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, d’intesa con la Caritas diocesana e con quella nazionale, una raccolta fondi per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto.

Sono stati raccolti 5995,00 euro che, uniti ai cinquemila euro messi a disposizione dalla diocesi, andranno a sostenere l’acquisto, da parte di Caritas Italiana, di moduli abitativi per gli sfollati.

Ancora una volta – afferma mons. De Luca –  le nostre comunità hanno dimostrato una grande solidarietà, segno del legame di affetto che ci unisce, ormai da più di 400 anni, con i nostri fratelli e sorelle croati. Ringrazio di cuore tutti coloro che, pur in un periodo così difficile, non hanno esitato a farsi artigiani della cultura della cura”.

 

Più informazioni su