Quantcast

Salta la corrente al San Timoteo nella notte, pazienti covid a rischio. L’ospedale: “Problema rientrato, il trasferimento non c’entra”

I tecnici sono al lavoro per ripristinare la normalità. Un guasto elettrico, in un ospedale che già vive una condizione d'emergenza e che, sebbene non abbia cagionato problemi ai pazienti (neanche a quelli Covid), è un ulteriore fonte di disagio nonchè specchio di una situazione molto critica

Problema elettrico nella notte tra sabato 6 e domenica 7 marzo al San Timoteo di Termoli. È mancata la corrente elettrica in alcune zone dell’ospedale e si è attivato il gruppo elettrogeno. Una situazione che, in particolare nell’emergenza che si sta vivendo, ha creato scompiglio e momenti di tensione.

“Non c’è stato alcun disagio per i pazienti Covid – rassicurano fonti interne del Pronto Soccorso -. Nella notte c’è stato un trasferimento al Cardarelli ma che nulla ha a che vedere con il problema elettrico che non ha causato grossi problemi. É tutto sotto controllo”. Il paziente trasferito, che necessita di una degenza più lunga (ma non in Rianimazione) è stato dunque portato a Campobasso – come ci spiega il primario del Pronto Soccorso e di Medicina d’Urgenza Nicola Rocchia, peraltro responsabile della gestione dei pazienti Covid del nosocomio termolese – per questioni cliniche e di spazio.

Al momento nell’area grigia del Pronto Soccorso ci sono infatti ben 8 pazienti Covid mentre altri 15 sono nel reparto di urologia adibito al trattamento dei pazienti Covid non gravi.

 

Nello specifico, nella notte – intorno alle 00.30 – c’è stato un guasto ad un armadio elettrico dell’ospedale ha interrotto l’erogazione di energia elettrica nei reparti durante la notte.

Sono state ore certamente non facili quelle degli operatori del nosocomio termolese, che subito hanno pensato a garantire l’assistenza ai pazienti attaccati ai respiratori.

È stato quindi attivato il gruppo di continuità che entra in funzione con alimentazione a diesel e dunque per i rifornimenti di metano sono intervenuti gli operatori della Protezione civile che hanno provveduto ad aiutare l’ospedale. Allertata anche la Prefettura, ha spiegato il direttore sanitario del San Timoteo Celestino Sassi.

Ma sono stati subito messi al sicuro i pazienti della Terapia intensiva, della sub-intensiva e il blocco operatorio.

Il gruppo di continuità continua anche in queste ore a mantenere l’alimentazione elettrica dell’ospedale mentre i tecnici sono al lavoro per riparare il guasto entro il primo pomeriggio e garantire il ripristino della normalità.

Al momento l’unico reparto senza corrente è quello di Radiologia e dunque se dovessero esserci urgenze per diagnosi radiologiche, i pazienti saranno spostati su altri ospedali.