Quantcast

ll Cln Cus Molise in trasferta contro il Cassano. La Final Eight a Porto San Giorgio

Sarà ancora out Barichello infortunato, mancheranno anche Turek convocato dalla nazionale slovacca e Di Stefano costretto ad ammainare bandiera bianca.

A Cassano per riprendere quota in classifica. Il Circolo La Nebbia Cus Molise affronta domani la trasferta in terra pugliese (inizio fissato alle ore 16) con qualche problema di formazione. Sarà ancora out Barichello infortunato, mancheranno anche Turek convocato dalla nazionale slovacca e Di Stefano costretto ad ammainare bandiera bianca sabato scorso contro la Tombesi per un problema fisico. Il capitano ha provato ieri a lavorare con i compagni ma si è fermato quasi subito. Nonostante questo la formazione di Sanginario ha tutte le intenzioni di provare ad invertire il trend delle ultime settimane.

Le qualità e le possibilità non mancano di certo al gruppo rossoblù che contro la Tombesi ha alzato bandiera bianca soltanto all’ultimo minuto. Ripartire da quanto di buono fatto alla palestra Sturzo la scorsa settimana per costruire il riscatto e riprendere la marcia. “Andiamo in Puglia con la speranza di tornare con la vittoria che ci manca dalla gara interna contro la Tenax Castelfidardo – spiega il tecnico del Cln Cus Molise Sanginario – non stiamo vivendo un periodo molto fortunato da tanti punti di vista, soprattutto quello degli infortuni. Mancherà Turek che è stato convocato in nazionale, sarà out Barichello, alle prese con il grave infortunio avuto a Capurso e dovremo rinunciare anche al nostro capitano. Dunque si dovrà fare di necessità virtù. Confidiamo sul fatto che chi scenderà in campo non farà rimpiangere gli assenti”.

Il Cassano è una squadra di valore come del resto ha dimostrato a Campobasso, anche se la classifica potrebbe far pensare il contrario.

“Alla fine anche la classifica non fa pensare il contrario perché grosso modo siamo tutti lì. Credo che nelle cinque giornate finali verrà decisa la griglia playoff e il Cassano rientra a pieno titolo tra le squadre che lotteranno per un posto al sole”.

Dopo Cassano arriverà alla palestra Sturzo il Lucrezia prima del recupero interno con il Giovinazzo di fine mese. Un marzo ricco di impegni.

“Sì, tra l’altro alla palestra Sturzo. Questa è un’altra tegola che abbiamo avuto quest’anno, ovviamente dovuta all’emergenza sanitaria. Una cosa che comunque ci ha un po’ spiazzati perché non poter giocare sul nostro parquet non è una cosa semplice. Ma una scelta doverosa in virtù del momento che stiamo vivendo. E’ stato e sarà fino alla fine un campionato difficile, tutte le partite saranno con un alto quoziente di difficoltà. Non è una frase fatta ma basta vedere la classifica e il calendario che ci attende per capire che saranno cinque battaglie”.

Un occhio al campionato e uno alla final eight di coppa Italia. Manca ancora un po’ ma bisogna cominciare a pensare anche alla competizione tricolore con l’auspicio di avere l’intera rosa a disposizione.

“Non nego che stiamo gestendo degli uomini proprio in vista della final eight, manifestazione alla quale teniamo tantissimo e nella quale vogliamo fare bella figura. Speriamo che per quella data tutte le problematiche che stiamo avendo siano risolte. Un occhio al campionato e uno alla competizione tricolore. Per la seconda volta  partecipiamo ad una final eight. Dopo quella organizzata da noi in serie B, siamo riusciti ad arrivare tra le prime due alla fine del girone di andata in A2. Credo sia motivo di orgoglio per la società e per tutto il Molise”.

A proposito della final eight di serie A2, in programma dal 16 al 18 aprile, il consiglio direttivo della Divisione Calcio a 5, esaminate le manifestazioni di interesse pervenute, ha valutato positivamente la proposta organizzativa della società Asd Porto San Giorgio. Sarà dunque il Palasavelli ad ospitare le gare che vedranno in campo i ragazzi di mister Sanginario. Nello stesso impianto si disputeranno le final eight di serie A2 femminile e serie B maschile (30 aprile-2 maggio).