Quantcast

Goccia d’oro 2020: tutte le produzioni olearie molisane premiate

Più informazioni su

L’Arsarp anche in tempo di forti restrizioni è riuscito ad organizzare l’evento “Goccia D’Oro”. Un premio regionale che ha contribuito al miglioramento delle produzioni olearie del nostro Molise. Non una competizione bensì un sano confronto per comprendere eventuali errori e mettere a punto il processo produttivo ed estrattivo nonché conservativo del oro verde molisano.

Hanno aderito al concorso ben 40 aziende regionali. La giuria composta da 10 assaggiatori professionisti ha valutato gli oli da casa coordinati attraverso una piattaforma digitale (Zoom) dal capo panel ARSARP Maurizio Corbo. La proclamazione dei vincitori è stata effettuata attraverso una diretta Facebook sulla pagina dell’Arsarp ufficio olivicolo di Larino.

Di seguito le aziende premiate:

  • AMATORI: Fruttato medio, Fruttato intenso Fruttato leggero az. Di Rosso Cristian di Mafalda (CB) Fruttato medio az. De Felice Giulia di Rotello (CB) Fruttato intenso az. Di Biase Massimo di Lucito (CB
  • PROFESSIONISTI (le aziende che producono più di 5 quintali di olio): Fruttato Leggero, Medio e Intenso Fruttato Leggero az. Di Battista Manrico di Santa Croce di Magliano (CB) Fruttato Medio az. Colonia Julia di Venafro (IS) Fruttato Inteso az. Trespaldum di Mafalda (CB)
  • premio miglior BIO azienda Principe Pignatelli di Monteroduni (IS)
  • premio miglior DOP azienda Di Vito Giovanni di Campomarino (CB)
  • premio miglior BIO/DOP Cooperativa Olearia Larinese di Larino (CB)

 

Tutti gli olii così premiati sono stati rivalutati dal panel per definire il migliore olio in assoluto decretando il Gran premio Francesco Ortuso che è stato assegnato all’azienda Principe Pignatelli di Monteroduni (IS).

 

Un ringraziamento sentito a tutti i produttori che si mettono sempre in discussione, agli assaggiatori professionisti di olio che sono sempre instancabili nella speranza di tornare quanto prima a coltivare le relazioni che fanno crescere individualmente e socialmente le nostre comunità.

Più informazioni su