Quantcast

Giro d’Italia a Termoli, definito il percorso. Arrivo in via Martiri della Resistenza, come 15 anni fa

Poco prima del traguardo un passaggio su Corso Nazionale. Incertezza su presenza e numero di tifosi, molto dipenderà dall'andamento della pandemia.

Più informazioni su

Si preannuncia una grande volata di gruppo per l’arrivo della tappa numero 7 del prossimo Giro d’Italia che vedrà Termoli come località del traguardo. Proprio come già successo nell’edizione del 2006 lo striscione finale sarà posizionato in via Martiri della Resistenza in un arrivo prettamente pianeggiante e che quindi si addice perfettamente ai velocisti.

L’altimetria della tappa Notaresco-Termoli di 181 km è consultabile sul sito ufficiale della Corsa Rosa che partirà il prossimo 8 maggio da Torino. Il percorso della tappa con arrivo in Molise viene definito dallo stesso sito come “tappa per velocisti con qualche puntata nell’entroterra dove si affrontano alcune salitelle che non potranno comunque influenzare la conclusione”.

Difatti l’unico Gran Premio della Montagna è fissato sui 330 metri di altitudine di Chieti. La Carovana rosa si trasferirà dalla provincia di Teramo a quella di Campobasso attraversando le province di Pescara e Chieti per arrivare quindi in Molise dalla statale 16.

In tutto sono circa 20 i km che verranno percorsi in territorio molisano dal confine tra San Salvo Marina e Montenero Marina fino a Termoli. I ciclisti attraverseranno Petacciato Marina per poi giungere a Termoli da via Amerigo Vespucci e transitare sul lungomare, risalire Termoli centro da Corso Nazionale, quindi la svolta fino a via Martiri della Resistenza dove ci sarà il finale.

altimetria tappa giro d'italia termoli

“Da segnalare che l’ultimo chilometro presenta alcuni strappi – si legge sul sito del Giro – e pendenze che potrebbero sfilacciare il gruppo lanciato verso la volata”. Il riferimento è quindi proprio a Corso Nazionale che andrà percorso in salita a poche centinaia di metri dal traguardo. La Carovana dovrebbe poi fare i bagagli quasi subito e trasferirsi a Foggia, sede della partenza della tappa successiva.

Via Martiri della Resistenza era stato arrivo di tappa anche nel 2006, anche se con un percorso differente rispetto a quello del prossimo 14 maggio. Quindici anni fa la volata premiò l’atleta lituano Tomas Vaitkus, capace di superare il campione olimpico Paolo Bettini. In quel giorno la Maglia Rosa era sulle spalle di Ivan Basso che l’aveva appena conquistata e che la vestì fino alla fine del Giro d’Italia aggiudicandosi la corsa. L’ultima volta del Giro a Termoli fu invece nel 2011 con partenza da Rio vivo.

Ancora incerta la presenza del pubblico e con quali restrizioni. Si stanno infatti studiando le regole necessarie da rispettare per quanto riguarda i tifosi lungo il percorso e al traguardo ma molto dipenderà dall’andamento della pandemia e dalla situazione del Molise fra circa quaranta giorni. La speranza è che – contagi permettendo – si possa assistere a un allentamento delle restrizioni, sia per il pubblico che per le attività commerciali e quelle ricettive che potrebbero giovarsi dell’evento dopo oltre un anno di sofferenza.

Più informazioni su