Quantcast

Comune, ok a 3 variazioni al bilancio per scuole e Collina Monforte. Scintille sugli aiuti covid

Il Consiglio comunale è tornato a riunirsi questa mattina (24 marzo). Bocciato il pacchetto di misure proposto dalla Lega che prevedeva, ad esempio, la diminuzione di alcune imposte che ha scatenato il dissenso di alcuni consiglieri: "Fate populismo". Tramontano: "L'Amministrazione comunale di Campobasso ha il dovere di intervenire tempestivamente"

Consentiranno di avviare le procedure per alcune importanti opere pubbliche le variazioni al bilancio votate questa mattina (24 marzo) in Consiglio comunale a Campobasso che ha completato l’elenco degli argomenti che ieri (martedì 23 marzo) non si era riusciti a concludere.

Una delle variazioni al bilancio (“la prima di questo 2021”, ha rimarcato l’assessore Giuseppina Panichella) riguarda i finanziamenti per la messa in sicurezza di un versante della collina Monforte.

Campobasso riceve 3,5 milioni per frane e Collina Monforte. L’asilo di via S. Lorenzo sarà demolito

La proposta di deliberazione inoltre includeva gli interventi, finanziati dal Ministero, per l’asilo di via Jezza (che sarà ristrutturato) e per la demolizione e la ricostruzione dell’istituto Montini. 

Fondi per le scuole di Campobasso: oltre 1 mln per ricostruire la media Montini. Interventi anche sull’asilo di via Jezza

La terza variazione al bilancio riguarda l’importo da 248.000 euro che l’Inail ha versato come anticipo per l’acquisto del terreno in cui sarà costruita una nuova scuola al posto dell’ex istituto di via Crispi. Il plesso, come programmato durante la vecchia amministrazione comunale, sarà abbattuto.

“Questi sono segnali di speranza per la città”, ha voluto puntualizzare il sindaco Roberto Gravina. “Le scuole, il bando INAIL e la messa in sicurezza della collina Monforte sono notizie che servono alla città per tentare di invertire la rotta nonostante le difficoltà legate alla pandemia e la carenza di personale dell’ente”.

La deliberazione è stata licenziata con 20 voti a favore e 2 astensioni. Non è stata l’unica proposta di deliberazione posta all’attenzione dell’assemblea di Palazzo San Giorgio che ha approvato, tra le varie cose, anche l’esenzione dell’Imu per gli immobili dati in comodato d’uso prevedendo un’apposita modifica al regolamento di disciplina municipale.

Via libera anche alle modifiche del regolamento per l’istituzione e la disciplina del canone di concessione per l’occupazione delle aree degli spazi appartenenti al demanio destinati a mercati realizzate anche in strutture attrezzate.

Scintille ci sono state invece in avvio di seduta quando il Consiglio comunale ha analizzato l’ordine del giorno proposto dai consiglieri della Lega Alberto Tramontano, Alessandro Pascale e Maria Domenica D’Alessandro relativo al pacchetto solidarietà per contrastare gli effetti della crisi dovuta al covid-19. Durante il dibattito, svolto in video conferenza per le restrizioni legate alla pandemia, gli animi dei consiglieri comunali si sono scaldati. Toni accesi, accuse di populismo espresse nei confronti degli esponenti leghisti da parte di coloro – come il consigliere Massimo Sabusco – che non hanno condiviso l’ordine del giorno che alla fine è stato respinto con 7 voti favorevoli, 18 contrari e 3 astensioni.

“Avevamo presentato un piano articolato all’attenzione del Consiglio comunale per chiedere di intervenire con iniziative concrete, al fine di mitigare gli effetti devastanti che la diffusione del Covid 19 sta avendo sull’economia e sul tessuto sociale della nostra comunità cittadina”, ha sottolineato con rammarico Tramontano.

“La Lega aveva chiesto: la diminuzione dell’Imu sui locali commerciali, l’abbattimento della Tari, l’azzeramento della Cosap, il sostegno ai locatori che dispongono uno sconto ai conduttori di locali, sostegno alla tutela e alla promozione della salute mentale (in considerazione dei danni che stanno subendo i bambini e i ragazzi reclusi in casa ormai da più di un anno), sostegno e accompagnamento per i diversamente abili, buoni per le famiglie cittadine per coprire il costo di servizi di babysitteraggio”.

Nonostante l’appello alla maggioranza da parte dei consiglieri leghisti di “porsi in sintonia con la nostra comunità cittadina, gettando il cuore oltre l’ostacolo e finanziando le misure proposte”, l’ordine del giorno è stato bocciato.

La crisi straordinaria che viviamo richiede risposte straordinarie e una Politica all’altezza: non può bastare limitarsi ad essere “passacarte” del Governo, occorre un’azione incisiva di riscrittura del bilancio comunale”, il commento del capogruppo del Carroccio in Municipio a Campobasso.

“L’Amministrazione comunale di Campobasso ha il dovere di intervenire tempestivamente, anche in considerazione della mancanza di sensibilità politico-istituzionale della Regione Molise, occupata in giochi di potere distanti anni luce dai bisogni concreti dei molisani, che stanno perdendo lavoro, dignità e speranza”.

“L’ordine del giorno proposto dai consiglieri della Lega è molto articolato e propone una serie di azioni tutte condivisibile per quanto riguarda i temi legati al sociale, – ha detto l’assessore alle Politiche Sociali, Luca Praitano, intervenendo nel dibattito – ma vanno necessariamente verificate sempre quelle che sono le risorse dell’ente e anche le eventuali modalità di attuazione. L’argomento, insomma, al di là dell’esito dell’ordine del giorno, sarà di certo trattato con grande attenzione e disponibilità all’interno della commissione Politiche Sociali, proprio per la sua attualità.”

“Ringrazio i consiglieri della Lega per aver focalizzato l’attenzione del Consiglio su argomenti che hanno la necessità però di essere analizzati in modo dettagliato. – ha detto l’assessore al Bilancio, Giuseppina Panichella – Confermo la disponibilità mia e dell’Amministrazione a trattare in Commissione consiliare Bilancio le proposte contenute nell’ordine del giorno per capire, in modo realistico e lavorandoci insieme, se vi sono le possibilità concrete per trovare ulteriori risorse per finanziare interventi che, è ovvio, non sono a costo zero. Trovare le coperture, per l’ente, risulta assolutamente necessario, ed è un discorso che vale a livello nazionale non di certo solo per la nostra città. Per questo le risorse giungono attraverso misure del Governo e delle Regioni. Sin dalla seduta della Commissione Bilancio di domani, già convocata dalla presidente Giuseppina Di Iorio, siamo aperti alle proposte che vorranno essere portate in discussione e verificate con dati e bilancio alla mano.”