Maxi frode fiscale: concessionaria evade 6 milioni di euro. Denunciato il titolare

Ha evaso 6 milioni di euro con il commercio delle automobili. La Guardia di Finanza ha scoperto la maxi frode e denunciato il titolare di una concessionaria del capoluogo.

Una frode fiscale del valore di 6 milioni di euro è venuta allo scoperto in provincia di Campobasso grazie alla Guardia di Finanza del capoluogo: nei guai è finito il titolare di un’attività nel settore della compravendita di autoveicoli.

Si tratta dell’ormai noto fenomeno delle “frodi carosello”. Anche nel caso specifico, analizzato dagli uomini della Finanza, il titolare dell’azienda di autoveicoli era solito acquistare mezzi di provenienza intracomunitaria che successivamente commercializzava sul territorio molisano non dichiarando le imposte dirette al fisco.

Sotto la lente delle fiamme gialle due anni di attività: il 2017 e il 2018. Nel 2017, l’imprenditore ha dichiarato 100 mila euro invece che i reali 2 milioni e 800 mila euro di guadagno. Mentre per il 2018 non ha inoltrato alcuna relazione fiscale a fronte di un volume d’affari equivalente a 3 milioni di euro.

La caratteristica di questa indagine è che tutte le notizie di reato relative a questa maxi evasione gli uomini della Finanza le hanno acquisite senza mai accedere in concessionaria ma ricostruendo il modus operandi messo in atto per l’evasione con un’attività di studio (cosiddetta analisi di rischio) che si concretizza nell’incrocio dei dati emersi dalla banca dati della Finanza relativamente alle dichiarazioni della concessionaria con quelli dei partner con cui l’imprenditore era in affari.

Da qui il buco milionario scoperto e sanzionato. L’uomo è stato anche denunciato alla Procura della Repubblica di Campobasso.