Quantcast

Clienti al bar dopo le 18 e senza mascherina: scattano le multe. Due locali chiusi

Saranno chiusi i due bar dell’Alto Molise, i cui titolari non hanno osservato la normativa anti-covid e che continuavano a somministrare bevande ai clienti, come appurato dai carabinieri di Rionero Sannitico. Quando i militari sono arrivati, hanno riscontrato che i due esercizi pubblici erano rimasti aperti nonostante le attuali disposizioni ne prevedano la chiusura alle 18 e consentano solo l’asporto. 

Gli avventori, invece, erano intenti a bere tranquillamente senza fra l’altro indossare la mascherina di protezione. Per tutti sono scattate sanzioni amministrative per un importo di 400 euro ciascuno e nei confronti dei gestori dei locali pubblici anche la segnalazione alla Prefettura che provvederà a disporre la chiusura dell’attività. 

Non sono le uniche sanzioni comminate dai militari della Compagnia di Isernia impegnati a svolgere mirate verifiche per il puntuale rispetto delle disposizioni anti covid-19 e a controllare il corretto uso delle mascherine, il divieto di assembramenti e spostamenti, oltre che il rispetto delle limitazioni imposte per legge ai gestori degli esercizi pubblici.

E’ stato sanzionato anche un signore sorpreso dai carabinieri di Macchiagodena. “Sto portando in giro il cane”, la giustificazione riferita agli uomini dell’Arma dall’uomo che proveniva da un comune lontano. Ricordiamo che il Molise è ‘arancione’ e quindi ci si può spostare solo all’interno del proprio comune di residenza.

Analogo discorso per una persona ‘beccata’ in un paese diverso da quello di residenza dai militari della Stazione di Cantalupo. Non è servita la scusa di trovarsi in quel posto “per svago”, come si legge nella nota diramata agli organi di stampa.

Stessa sorte è toccata a due persone che, in orario notturno, a bordo di autovettura, sono state soprese dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Isernia in giro senza meta ed in assenza di alcuna valida giustificazione. Le scuse date ai militari – l’acquisto delle sigarette o la ricerca di un forno per reperire del pane perché affamati – non sono bastate. In questa caso la sanzione è stata raddoppiata in quanto commessa con l’utilizzo dell’auto.

“L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Isernia – riferiscono dall’Arma – rimane alta e costante sull’intero territorio di competenza al fine di fornire una risposta concreta ed incisiva alle legittime aspettative di ordine e sicurezza pubblica dei cittadini e di contrasto verso i comportamenti illegali”.