Quantcast

Campobasso nella tana del Matese: Cudini vuole l’allungo in classifica

I rossoblù sfideranno domani, 21 marzo, la squadra di Corrado Urbano che non perde da dieci giornate: obiettivo 3 punti per portarsi a +7 sul Notaresco. Fuori per infortunio Brenci e Tenkorang, in dubbio Fabriani e Vitali. A centrocampo scalpita il baby molisano Mancini.

Dopo i tre punti strappati domenica scorsa sul gong, il Campobasso sfiderà domani, 21 marzo, il Matese. Trasferta a Piedimonte, in casa della squadra allenata da una vecchia conoscenza del calcio molisano, ovvero Corrado Urbano, già tecnico di Venafro e Agnone. Partita tosta, contro una formazione che non perde da dieci giornate e capace di fermare in settimana la Recanatese.

Mirko Cudini però ha un solo obiettivo in testa: un’altra vittoria per allungare il passo in vetta. Già, perché il Notaresco è a riposo forzato per via del covid e inevitabilmente si staccherebbe a meno sette in caso di bottino pieno dei Lupi. Una circostanza che la squadra rossoblù vuole costruirsi dando vita a una prestazione gagliarda, accorta e con il giusto contributo di spregiudicatezza.

Salteranno sicuramente la sfida gli infortunati Leonardo Brenci e Joshua Tenkorang. Si nutrono speranze invece per Fabriani e per Vitali, l’impressione è che almeno uno dei due possa essere della contesa. Se dovesse recuperare il classe 2002, si tornerebbe al centrocampo over con Ladu davanti alla difesa e Bontà-Candellori mezzali. In caso contrario, toccherebbe al 2003 Mancini agire in mediana dando spazio al tridente ‘pesante’ con Cogliati-Rossetti-Esposito.

La linea difensiva potrebbe essere la stessa di sei giorni fa, con l’unico dubbio legato all’impiego di Martino oppure di Fabriani. Sarà la prima in panchina per il nuovo portiere Antonio Oliva, tesserato in settimana per sostituire il lungodegente Piga.

All’andata finì 4-0 e fu l’ultima con il pubblico presente in 600 unità. Il match sarà arbitrato dal signor Dario Di Francesco di Ostia Lido, assistito da Starnini di Viterbo e Rastelli di Ostia Lido.