Quantcast

Passi in avanti per la cura del tumore del colon-retto: l’importanza dell’endoscopia

Sull'argomento si è tenuto un webinar in diretta sul sito e sulla pagina facebook di Gemelli Molise e di tutti i soggetti partner. I tumori del colon retto rappresentano la seconda causa di morte per neoplasia in Italia.

Sono oltre 49.000 le nuove diagnosi di tumore del colon-retto registrate nel 2019 in Italia secondo l’ultimo rapporto Aiom-Airtum. Tra questi, 27.000 casi si registrano negli uomini e 22.000 nelle donne. Con questi numeri rappresentano perciò la terza neoplasia negli uomini (14%) e la seconda nelle donne (12%) e, secondo i più recenti dati Istat, la seconda causa di morte per entrambi.  Ma c’è una buona notizia: si tratta di una patologia per cui notevoli passi avanti sono stati compiuti e dove, a fare la differenza, sono la tempestività e la prevenzione. Proprio di prevenzione e nuove possibilità  di cura  si è parlato nel terzo incontro del progetto ‘Insieme in salute’ del Gemelli Molise,Insieme nell’innovazione – le nuove frontiere dell’endoscopia per la cura dei tumori’, trasmesso in diretta streaming sul sito di Gemelli Molise e sulla pagina Facebook dell’Ospedale e di tutti i soggetti partner, ieri martedì 16 febbraio.

“Robuste evidenze scientifiche dimostrano che lo screening per cancro colonrettale riduce del 20% il numero di nuovi casi e la mortalità per questo tumore del 30% – dichiara Celeste Condorelli, amministratrice delegata Gemelli Molise -. A queste opportunità si aggiungono tutte quelle offerte oggi dall’endoscopia che, negli ultimi anni, ha registrato rilevanti innovazioni che hanno radicalmente modificato il modo di diagnosticare e curare. Ma l’argomento prevenzione su questo tema è ancora poco noto al grande pubblico e l’epidemia da coronavirus rischia rallentare gli importanti risultati sinora ottenuti. Ecco perché l’obiettivo della comunicazione di questo incontro sarà soprattutto quello di fare chiarezza su come i programmi di screening, l’endoscopia e in generale la prevenzione possano aiutare a cambiare la storia dei pazienti e delle famiglie.”

A fare il punto sulle opportunità di prevenzione oggi possibili grazie alle nuove frontiere dell’endoscopia con Celeste Condorelli anche Guido Costamagna,  Direttore UOC di Endoscopia Digestiva Chirurgica Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, Gianluca Spera, Responsabile Unità Operativa Endoscopia Digestiva, Alberto Larghi, Dirigente Medico Fondazione Policlinico Gemelli – Roma, Luigi Ambrosone, presidente del Corso di Laurea in Ing. Medica-Università Degli Studi del Molise e Sara Mucciarone, presidente AIC – Associazione Italiana Celiachia Molise. Ha moderato l’incontro Rita Iacobucci, giornalista di Primo Piano Molise.

Quando si parla di cancro al colon retto quello che spesso fa la differenza è proprio la diagnosi precoce. “La ricerca in ambito endoscopico, con la finalità di prevenire e trattare il cancro del colon retto in modo più preciso ed efficace, ha portato allo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale – dichiara Guido Costamagna, Direttore UOC di Endoscopia Digestiva Chirurgica Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS -. Queste nuove tecniche – oltre a consentire una maggiore precisione – permettono di differenziare le lesioni tumorali in base alle caratteristiche macroscopiche o vascolari e, in generale, una loro migliore rilevazione”.

Tra queste si distingue sicuramente l’ecoendoscopia, una nuova metodica che accomuna sia le caratteristiche dell’endoscopia sia quelle dell’ecografia. Questa tecnica avanzata consente di diagnosticare precocemente e classificare in modo non invasivo i tumori dell’apparato digerente. “Le ultime novità tecnologiche ci consentono di proporre terapie per tumori altrimenti non operabili – commenta Gianluca Spera, Responsabile Unità di Endoscopia Digestiva -. Noi crediamo fortemente nel valore sociale della comunicazione anche per favorire l’empowerment della popolazione.”