Quantcast

Nuova piattaforma Asrem per comunicare i contagi, Gravina: “Dati non aggiornati”

Il sindaco di Campobasso denuncia le criticità del nuovo sistema attivato dall'azienda sanitaria e che avrebbe dovuto favorire una comunicazione più puntuale. "I dati non sono del tutto aggiornati", sottolinea. Attualmente il capoluogo dovrebbe annoverare 124 positivi

Nemmeno il nuovo sistema introdotto dall’Azienda sanitaria per favorire una comunicazione più puntuale dei contagi nei vari comuni del Molise funziona. “Il bollettino non è del tutto aggiornato”, denuncia il sindaco di Campobasso Roberto Gravina che più di una volta ha sollecitato le carenze del vecchio metodo di trasmissione dai dati. Critiche erano state espresse da numerosi amministratori che più volte hanno sollecitato il presidente Donato Toma e il direttore generale dell’Asrem a risolvere il problema.

Positivi a Campobasso, il sindaco: “L’Asrem dice che sono 120, Cardarelli vero problema”

 

Tuttavia, a dire del sindaco del capoluogo, nemmeno la nuova piattaforma SIC (Sorveglianza Integrata Covid) attivata dal 18 febbraio funziona come dovrebbe nonostante la sua funzione essenziale: accedendo al sistema, in maniera diretta, anche i sindaci dei comuni molisani possono prendere visione della situazione dei casi di positività accertati sul proprio territorio di riferimento.

La piattaforma, con il relativo servizio offerto, ha sostituito l’invio dei bollettini in formato Exel prodotti fino a qualche giorno fa dalla stessa Asrem e inviati alle amministrazioni comunali.

La praticità del nuovo sistema che l’Asrem ci mette a disposizione online – ha dichiarato il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina – al momento non ha comportato, purtroppo, una migliore qualità dei dati stessi. Infatti, praticamente, almeno per ora, l’unico cambiamento per noi riscontrabile sta nel fatto di non dover più attendere l’invio del bollettino da parte di ASREM, potendolo andare a scaricare autonomamente dalla piattaforma. Ma il bollettino, anche adesso, continua a presentare al suo interno, dati che non sono del tutto aggiornati. Addirittura, rispetto all’ultimo bollettino del 17 febbraio che ci è stato inviato via mail, ricompaiono nuovamente tra i positivi, persone risultate positive il 14 novembre e che non erano più presenti perché divenute negative. Insomma, – ha chiarito Gravina – speriamo si tratti di un primo step di aggiornamento al quale ne seguiranno nell’immediato altri e più precisi, perché le criticità che continuiamo a riscontrare, vengono evidenziate senza alcun intento di carattere strumentale, ma al solo scopo di poter ottenere una per noi doverosa chiarezza informativa da parte di chi è deputato all’organizzazione in regione dell’emergenza sanitaria in corso.

Attualmente a Campobasso si stimano 124 positivi dal momento che, ha rimarcato Gravina, “c’è stato anche un alto numero di pazienti guariti”.