Quantcast

Marciapiedi ricoperti di ghiaccio, i cittadini protestano: “Un’impresa arrivare in ufficio”

Più informazioni su

Per fortuna oggi (15 febbraio) le scuole di Campobasso erano chiuse, come deciso ieri sera dall’amministrazione comunale proprio per ridurre il traffico. Tuttavia, chi ha dovuto raggiungere l’ufficio o la propria attività commerciale ha dovuto compiere una vera e propria impresa. Lastre di ghiaccio ricoprono molti marciapiedi, anche nelle vie più centrali della città (in foto via Garibaldi, ndr), costringendo i pedoni a prestare più attenzione per evitare pericolosi scivoloni.

Disagi sono stati segnalati alla nostra redazione da parte dei lettori di Primonumero che avrebbero gradito un maggiore “impegno” da parte dell’amministrazione comunale nel risolvere il problema. “Sui marciapiedi non si può camminare, è impossibile. O rischiamo di cadere e romperci una gamba. Oppure possiamo ‘scegliere’ di camminare per strada e farci investire dalle auto”, osserva una cittadina arrabbiata. E di questi tempi, con l’emergenza sanitaria in atto, è difficoltoso anche accedere alle cure dell’ospedale Cardarelli, il centro hub per la cura dei pazienti covid.

Se alcuni tratti erano stati liberati dalla coltre ghiacciata, è stato solo grazie all’impegno dei titolari di alcuni negozi che hanno spalato lo spazio antistante l’ingresso della loro attività.

Ieri la Sea, la società municipalizzata che si occupa dello sgombero neve oltre che della raccolta dei rifiuti, aveva attivato 8 mezzi e una decina di operatori per la pulizia delle strade e delle vie nel centro storico. Ma l’impiego di uomini e mezzi è stato considerato insufficiente dai cittadini che hanno espresso i loro malumori sui social, così come l’utilizzo del sale.

Più informazioni su