Quantcast

Mafalda, Finamore chiede più comunicazione e screening di massa

Più informazioni su

angelo finamore mafalda

Il consigliere comunale di Mafalda Angelo Finamore chiede maggiore comunicazione all’Amministrazione Matassa e soprattutto uno screening con tamponi alla popolazione.

“Tempo addietro – scrive Finamore – avevo denunciato l’assenza dell’Amministrazione comunale nella gestione dell’emergenza Covid, evidenziando soprattutto la mancanza di azioni tempestive di prevenzione, come lo screening di massa, al fine di limitare la trasmissione del virus sul territorio comunale.

Avevo anche segnalato l’insufficienza delle comunicazioni relative alla situazione epidemiologica nel nostro comune, che riportavano dati pressoché incompleti e rabberciati.

Con dispiacere, devo constatare che l’Amministrazione non ha aggiustato minimamente il tiro. Insomma, commettere errori è umano ma perseverare, specialmente in questo momento dove è a rischio la salute di tutti, è diabolico.

Visto che a Mafalda (a differenza di altri comuni che hanno registrato numeri persino inferiori rispetto ai nostri) l’Amministrazione non ha mai organizzato uno screening per monitorare e prevenire eventuali focolai. L’ultimo aggiornamento sui contagi nel nostro comune risale addirittura al 6 febbraio, dove seppur le informazioni risultavano scarne e insufficienti, veniva comunicato 1 nuovo caso di positività e un totale di 7 soggetti positivi.

Nel frattempo ci sono stati ulteriori contagi nel nostro comune (appresi da testate giornalistiche): 1 positivo in data 16 febbraio; 1 positivo in data 17 febbraio; 2 positivi in data 19 febbraio.

Quest’ultimi contagi, non sono stati neanche comunicati attraverso i canali d’informazione a disposizione dell’amministrazione.

Per questo, ho appena depositato una mozione al Sindaco, in cui chiedo di: effettuare, più di uno Screening sulla popolazione; prevedere, anche con risorse proprie, la possibilità di fornire tamponi gratuiti alle categorie maggiormente colpite dalla crisi economica e alle famiglie meno abbienti; comunicare quotidianamente il numero totale dei positivi, degli attualmente positivi e dei guariti, fornendo informazioni complete e scrupolose”.

Più informazioni su