Quantcast

Il sindaco di Larino sul video M5S girato al Vietri: “Nostra battaglia di mesi, ora serve altro”

Il sindaco di Larino Giuseppe Puchetti torna a parlare della battaglia pro-Vietri centro Covid all’indomani del video in diretta facebook girato dal consigliere regionale del M5s Andrea Greco. Un video in cui vengono ripresi gli ampi spazi vuoti dell’ospedale frentano e al contempo si dimostra quanto sia funzionante la struttura.

Pino Puchetti sindaco Larino

“In primis, ritengo doveroso ringraziare l’esponente del Movimento 5 Stelle per il sostegno a questa battaglia a garanzia della salute dei cittadini molisani che, come Sindaco di Larino, ma soprattutto come molisano, ho intrapreso da un anno, ossia quella di ridare dignità e un ruolo alla nostra struttura ospedaliera candidandola, grazie soprattutto al sostegno del commissario Giustini, a centro Covid regionale o meglio ancora a centro interregionale di Malattie infettive.

Vedere un consigliere regionale muoversi all’interno del Vietri, osservare che la struttura è funzionante, che ci sono spazi enormi e ben organizzati per allestirvi un centro Covid, certo non mi ha lasciato sorpreso. Chi vive in questa parte di Molise, ma sono convinto anche fuori regione, sa bene quanto la nostra struttura sia efficiente e congeniale ad essere utilizzata per qualsiasi tipo di servizio sanitario, sia di base che specialistico”.

andrea greco vietri

C’è pero una punta di dissenso nel comunicato del primo cittadino di Larino. “Nel contempo mi avrebbe fatto piacere accompagnarlo ricordandogli che, come autorità sanitaria locale, mi sono sempre impegnato per garantire l’accesso anche alle televisioni (un esempio è rappresentato dal mio intervento all’interno del Vietri nel corso della trasmissione Titolo V), accesso che i vertici Asrem hanno costantemente ostacolato. Il consigliere Greco, però, in maniera del tutto legittima, ha preferito non contattarmi, scelta questa che non offende né il sottoscritto né la mia squadra, ma certamente provoca rammarico”.

Nessun riferimento, da parte del consigliere pentastellato, al lavoro svolto dal sindaco Puchetti insieme ad altri 100 del territorio, nonché dalle associazioni e dai comitati, dalla Diocesi Termoli-Larino e “dalla mia Amministrazione”. “Avrei voluto che tutto ciò fosse stato riconosciuto e sottolineato”, rimarca Puchetti.

Centro Covid a Larino, è quasi fatta. 118 sindaci sfidano la Regione: plebiscito dai Comuni, la proposta sarà messa ai voti

Che poi continua così: “Purtroppo non è possibile trasmettendo un video cambiare le sorti di una struttura che, voluta da un benefattore lungimirante, è stata privata ormai di ogni dignità. Servirebbero altre azioni, di ampio respiro politico ai tavoli romani, negli uffici che contano. Questa responsabilità non può che essere condivisa tra tutte le forze politiche di maggioranza presenti in Parlamento in modo proporzionale al loro grado di rappresentatività, nazionale e soprattutto regionale.

“Toma e Florenzano in stato confusionale”: i parlamentari M5S si incatenano al Ministero della Salute

A tal proposito colgo anche l’occasione per ringraziare parte della nostra deputazione parlamentare, che, nelle persone dell’On. Testamento e del Sen. Ortis, entrambi esponenti del Movimento 5 Stelle, pochi giorni fa hanno deciso, con gesti eclatanti, di alzare la voce per cercare di poter dialogare con il Ministro Speranza al fine di richiedere un intervento immediato per la gestione dell’emergenza covid in Molise.
Quanto fatto dal senatore Ortis e dalla collega Testamento è apprezzabile, così come il video diffuso dal consigliere Greco ma queste iniziative dovevano essere messe in atto svariati mesi fa e non soltanto in questo periodo, in cui oltretutto, il governo è in carica per il solo disbrigo degli affari correnti”.

Quindi la conclusione: “Dopo undici mesi credo che sia finalmente giunto il momento di avere delle risposte chiare, concrete, evitando un politichese sterile, di restare sordi ed in silenzio rispetto a quello che sta accadendo nella nostra regione, e in particolare a tutto quello che sta accadendo al Cardarelli. Un lavoro questo che sarebbe opportuno fare iniziando a redigere una nuova programmazione sanitaria altamente specifica in termini territoriali che tenga ben presente le esigenze e i fabbisogni sanitari scaturiti dopo questa pandemia”.