Quantcast

“C’era una volta un ragnetto nel nasino…”: lo screening diventa una festa di piccoli supereroi in maschera

A Casacalenda le mamme, in collaborazione con la scuola dell’infanzia, si sono inventate premi, fiabe e attività per non traumatizzare i più piccoli che dovevano effettuare il tampone. Il paese è in zona rossa e sono stati effettuati dei test per verificare l’eventuale presenza di focolai.

Supereroi, principesse, storie di ragnetti. Come si fa un tampone a un bambino molto piccolo? Le mamme dei bimbi della scuola dell’infanzia di Casacalenda si sono ingegnate e forse una soluzione l’hanno trovata: basta essere creative e unite.  Una bella storia di collaborazione, di amicizia, di cura. Il fastidio del tampone nel naso per scoprire eventuali infezioni da covid c’è per gli adulti, figurarsi per i bambini. Ma si è reso necessario per scongiurare un possibile focolaio. Casacalenda, lo ricordiamo, è in zona rossa da qualche giorno assieme ad altri 27 Comuni del distretto sanitario di Termoli.

Tamponi scuola infanzia casacalenda

L’idea è nata in una lunga conversazione in chat: inventare una storia da raccontare ai loro bambini. Ed ecco il ragnetto che fa la sua comparsa: “Un ragnetto birichino, piccolo piccolo e malandrino, si è intrufolato nel nasino ma chissà di quale bambino. Non c’è nulla da temere ma un signore vestito di bianco lo vuole sapere. Chi avrà il ragnetto nel nasino? Lo so io, lo so io. E’ un Supereroe… Bambino!”.

Tamponi scuola infanzia casacalenda

Questa la storia/filastrocca che le mamme hanno raccontato ai loro bambini e l’allegria e così la proverbiale curiosità dei più piccoli ha preso il sopravvento e tutti volevano scoprire in quale nasino si fosse nascosto il ragnetto. I piccini sono stati accompagnati dalle famiglie e uno alla volta, vestiti col costume di carnevale, in un ambiente accogliente con tanto di musica, si sono sottoposti al test.

Tamponi scuola infanzia casacalenda

Subito dopo hanno ricevuto un ‘diploma di coraggio da supereroe’ e un regalino, cioè dei disegni da colorare coi i personaggi più amati raccolti in piccoli album e confezionati per ciascuno di loro. Il Bazar del paese – la cui titolare Antonietta Moriello è anch’essa una supermamma – ha mandato a ciascuno di loro una scatola di colori. E così i piccoli, alla ricerca del ragnetto dai superpoteri, vestiti da supereroi, hanno affrontato la prova con coraggio e sorridenti, insegnando a tutti, ancora una volta, che anche sognando si cresce.

Tamponi scuola infanzia casacalenda

Grande collaborazione da parte della dirigente scolastica Filomena Giordano, delle maestre (in particolare Sonia Melfi), del collaboratore scolastico Piero Tozzi, della Protezione Civile – Associazione di Volontariato Provenza – e del vigile del paese, ottimi sostenitori e alleati in tutti i momenti, anche sotto la pioggia battente.

Tamponi scuola infanzia casacalenda