Ambiente, salute e portafogli: le mascherine abbandonate a terra fanno male tre volte

Sono ovunque. Sui marciapiedi, nelle aiuole, nelle piazze. Abbandonate con un gesto di profonda inciviltà che sembra sempre più diffusa. La pessima abitudine dell’abbandono delle mascherine chirurgiche, usate da quasi tutti e buttate per strada da tanti, è uno degli effetti indiretti della pandemia.

A Termoli, come altrove, si vedono sempre più rifiuti di questo tipo. Così la Rieco Sud, azienda che gestisce il servizio di raccolta rifiuti nella città adriatica, prova a mettere in guardia i trasgressori per i rischi di multe, nonché per i rischi legati all’ambiente e alla salute.

“A causa di errati comportamenti di alcuni cittadini, la Rieco Sud ha rilevato un aumento di abbandono sul territorio dei dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti monouso) usati per prevenire la diffusione del coronavirus.

Mascherine e guanti monouso sono dispositivi di protezione individuale diventati oggetti quotidiani fondamentali per la lotta al Covid-19. Rischiano però di tramutarsi in un problema per la salute e per l’ambiente se, dopo l’uso, vengono abbandonati per strada o conferiti in modo non corretto, poiché potrebbero durare nell’ambiente decine di anni così come accade per i sacchetti e i flaconi in plastica”.

Mascherine abbandonate

Per questo motivo la Rieco Sud e l’Amministrazione Comunale ricorda alcune indicazioni chiare per il corretto smaltimento, secondo le disposizioni delle autorità sanitarie e amministrative (in base all’ordinanza comunale numero 88 del 21 maggio 2020 è previsto il pagamento di un’ammenda fino a 206 euro, alla quale si aggiunge la sanzione amministrativa pecuniaria della somma da 500 euro fino a 5.000 euro).

Mascherine e guanti monouso, una volta utilizzati, vanno gettati nei rifiuti indifferenziati: nel bidoncino di casa, o per strada nei cestini gettacarte presenti in ogni quartiere di Termoli. Questi dispositivi non vanno quindi conferiti nei contenitori della plastica, né tantomeno in altre frazioni della raccolta differenziata ma esclusivamente nei rifiuti indifferenziati (secco residuo).

“Soprattutto in questo momento così delicato, in cui anche Rieco Sud è in prima linea con interventi straordinari di pulizia, sanificazione e gestione dei rifiuti domestici dei cittadini positivi al Covid-19, occorre la collaborazione di tutti i termolesi per non peggiorare le cose con un aumento indiscriminato dei rifiuti lasciati in giro per la città – dichiara il sindaco Francesco Roberti –. Abbandonare rifiuti per strada o nelle aree verdi, in particolare guanti e mascherine, è un comportamento incivile passibile di sanzione e che crea dei rischi per la salute delle persone e per l’ambiente in cui viviamo”.