Quantcast

3 febbraio – Situazione al collasso, ospedale mai così pieno di pazienti covid. 6 morti, 5 nuovi ricoveri e 81 positivi

La situazione si fa sempre più grave: il bollettino di oggi riporta 6 vittime, 5 ricoveri e ben 6 trasferimenti da Infettive a Terapia Intensiva. Così i reparti annaspano. E poi il tasso di positività odierno è altissimo (al 13.2%) con 26 contagi da Campomarino e tanti anche a Termoli e Campobasso

Nelle ultime 24 ore 81 nuove diagnosi di infezione a fronte di soli 614 tamponi, e il tasso di positività schizza al 13.2%. Ieri c’erano stati 78 positivi su 1.065 tamponi, per un tasso di positività pari al 7.3%. 6 morti oggi (ieri 5) e la situazione del Cardarelli (con 73 ricoverati Covid) al collasso.

DATI DEL MOLISE IN DRASTICO PEGGIORAMENTO, VICINO IL CAMBIO DI COLORE?

Che sia la fine della seconda ondata oppure l’inizio della terza poco importa, è una mera questione di definizioni. Quello che invece è necessario ribadire è che alla data del 3 febbraio 2021 in Molise la situazione sul fronte della pandemia è drammatica. Mai come nella giornata odierna l’ospedale di Campobasso registra un numero tanto elevato di persone malate. La terapia intensiva è a 11 degenti intubati, ed è un numero inedito perché non si era mai arrivati a una soglia simile. In malattie infettive ci sono 62 persone, di cui 5 ricoverate nelle ultime ore. E, da considerare, ci sono i 6 trasferimenti in rianimazione dal reparto covid. Significa che per 6 persone le condizioni cliniche si sono aggravate notevolmente ed è richiesto l’intervento della ventilazione meccanica h24.

Situazione al collasso, insomma. Con un tasso di positività altissimo, superiore al 13%. Certo, i tamponi non sono stati tanti e si sono fermati a 614, ma l’indicatore preoccupante è confermato dal numero di positivi nei tre centri dove al momento il contagio è di nuovo in forte espansione. Campomarino, prioritariamente, dove i nuovi positivi sono 26 e dove secondo le stime ufficiose che si incrociano dai dati forniti dai medici di famiglia con quelli dell’amministrazione i positivi reali superano quota 400. E poi Termoli, dove i positivi accertati sono poco meno di 200 con decine e decine di persone, tutti i contatti stretti, in attesa di tampone molecolare. Anche Campobasso segna circa 200 persone con il virus, 10 solo nelle ultime ore.

E ci sono poi i lutti, che anche oggi forniscono cifre angoscianti. Sei i decessi rilevati dalla Asrem nelle ultime 24 ore quattro dei quali in ospedale, due invece in altrettante case di riposo e uno in casa. È un quadro allarmante alla luce del quale il Molise, questa volta, rischia seriamente di cambiare colore. E nessuno nega più che, ormai, la situazione dei cluster sia completamente fuori controllo.

ALTRE 6 VITTIME, DAI 63 i 94 ANNI

Anche oggi è alto il numero di vittime in Molise per Covid-19. Sono morte 6 persone nelle ultime 24 ore (5 ieri, 5 ieri l’altro) e il totale arriva a 291 persone decedute dall’inizio della pandemia. In ospedale nelle ultime ore sono morte 3 persone: in Malattie Infettive non ce l’hanno fatta una donna 89enne di Sant’Elena Sannita e una 78enne del capoluogo di regione. In Terapia Intensiva ha invece smesso di battere il cuore di un 63enne, uomo, di Venafro. Ma nelle stesse ore ci sono stati anche due decessi in due diverse Rsa molisane. Una è quella di Sant’Elia a Pianisi (dove sono stati già numerosi i decessi), dove è morto un 87enne del posto. L’altra vittima si è registrata invece nella Rsa di Ripabottoni, è una donna di 80 anni di Morrone del Sannio. Infine è morto a casa un uomo 94enne di Frosolone.

OSPEDALE CARDARELLI DI NUOVO AL COLLASSO: 6 PAZIENTI TRASFERITI IN RIANIMAZIONE, +5 INGRESSI IN INFETTIVE

Torna ad accendersi la ‘spia rossa’ all’ospedale Cardarelli di Campobasso: il numero di ospedalizzazioni è a livello critico. Sei pazienti sono stati trasferiti da Malattie Infettive nel reparto di Terapia Intensiva a causa delle gravi difficoltà respiratorie. Due degenti sono di Campomarino, dove il focolaio ha provocato un’emergenza sanitaria. Hanno avuto bisogno di essere intubati altri quattro pazienti originari rispettivamente di Termoli, Ripalimosani, Castelbottaccio e Montemitro.

‘Scoppia’ anche il reparto di Malattie Infettive dove hanno avuto bisogno di un posto letto 5 pazienti. Due di loro sono originari di Termoli e Campomarino, le due città interessate dai cluster più importanti accertati nella nostra regione.
In Malattie Infettive sono stati trasferiti anche un cittadino di Venafro, uno di Larino e un paziente di Bojano.

Il centro hub covid di Campobasso ospita attualmente un numero di pazienti covid probabilmente mai registrato durante l’epidemia: 73 posti letto occupati nei reparti che curano i degenti con la malattia provocata dal virus, 11 in Terapia Intensiva e 62 in Malattie Infettive.

bollettino covid 3 febbraio

81 CONTAGI SU 614 TEST, TASSO ALTISSIMO. CAMPOMARINO +26

81 positivi su 614 tamponi (solo molecolari) significa che oltre 1 test su 13 ha dato esito positivo, ed è una percentuale molto alta (ieri si fermava al 7.3, è cresciuta dunque di quasi 6 punti percentuali). Certo, un giorno non fa la differenza, ma già dalla scorsa settimana si assiste ad un boom di casi che non accenna a fermarsi. Succede, in particolare, a Campomarino dove nelle ultime 24 ore si sono registrati altri 26 casi conclamati. Non va bene neanche a Termoli (+16) e Campobasso (+10). Irrisori, in confronto, i dati degli altri paesi che hanno registrato tra 1 e 3 casi nel proprio territorio. Spicca Portocannone con +6 casi. E poi ce ne sono 3 a Ururi e Larino. Come si vede è il Basso Molise l’area più critica in questa fase.

29 PERSONE SCONFIGGONO IL VIRUS: 9 SONO DI BARANELLO

Mentre la situazione sanitaria si sta aggravando, 29 persone possono tirare un sospiro di sollievo. Le notizie migliori arrivano per la comunità di Baranello: 9 cittadini sono stati dichiarati ufficialmente guariti. Si sono negativizzate anche 3 residenti rispettivamente di Termoli, Trivento e Tufara.
Si registrano 2 guarigioni a Campobasso, Ripalimosani e Petacciato. Hanno battuto il virus anche un cittadino residente in questi centri del Molise: Isernia, Macchia d’Isernia, Riccia, Venafro e Vinchiaturo.

VACCINI: IN MOLISE OLTRE 11MILA, 4430 LE SECONDE DOSI

I vaccini somministrati in Molise sono al momento 11.664 e sono 4430 le persone che hanno ricevuto la seconda dose. La nostra regione dunque, rispetto alle circa 13.800 dosi attualmente ricevute, ha somministrato circa l’85% delle dosi (vaccino Pfizer).

I DATI NAZIONALI

Secondo il bollettino del Ministero della Salute oggi sono stati rilevati 13.189 nuovi contagi sulla base di 279.307 test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Le vittime sono state 476, mentre ieri erano state 499. Il tasso di positività è al 4.7%, mentre ieri, quando c’erano stati 9.660 contagi su 244.429 test, era del 4% circa.

Scendono nelle ultime 24 ore di 69 unità i pazienti in terapia intensiva (ieri -38), e diminuiscono di 246 unità i ricoveri Covid nei reparti ordinari (ieri +57).

È attivo il canale Telegram di Primonumero.it. Unisciti al nostro Canale per essere sempre aggiornato sulle news.