Si può tornare ad ammirare i Misteri: il nuovo decreto riapre il museo, era chiuso da 2 mesi

L'ultimo decreto del Governo ha concesso una piccola deroga nelle regioni gialle. Ma al museo di via Trento, il luogo in cui la famiglia Teberino custodisce gli ingegni di Paolo Saverio di Zinno, ci si potrà recare solo nei giorni feriali e su prenotazione. Una piccola consolazione per tutti coloro che vorranno ammirare le 'macchine volanti' o concedersi qualche ora per apprendere un pezzo fondamentale della storia cittadina

Un po’ di ‘miele’ per le anime rese cupe e intristite dalle restrizioni imposte a causa della pandemia: dopo quasi due mesi di stop il Museo dei Misteri di Campobasso riapre al pubblico. Certo, solo nei giorni feriali, come prevedono le misure contenute nell’ultimo decreto del Governo che ha concesso questa piccola deroga per le regioni ‘gialle’ come il Molise. Era stato il dpcm dello scorso 3 novembre a ‘blindare’ tutti i luoghi della cultura stoppando le attività di cinema, teatri e musei.

Una piccola consolazione per tutti coloro che non possono ‘cibarsi’ di cultura, che stanno soffrendo perchè da mesi è impossibile assistere ad uno spettacolo o a un concerto, ad esempio, a causa della chiusura di cinema e teatri.

Almeno i campobassani potranno ‘riappropriarsi’ dello ‘scrigno’ che conserva gli ingegni progettati e costruiti dallo scultore Paolo Saverio di Zinno, un pezzo fondamentale della storia del capoluogo. L’anno scorso la città ha dovuto a malincuore rinunciare alla sfilata dei Misteri proprio a causa dell’epidemia provocata dal coronavirus: l’evento di giugno, in programma come da tradizione nel giorno di Corpus Domini, è stato annullato (non avveniva dal secondo dopoguerra) nè è stato possibile organizzare una edizione straordinaria in autunno a cui inizialmente si era pensato. Impossibile impedire la folla – gli assembramenti secondo un termine in voga ora che segue la sfilata.

Il virus ‘blocca’ il volo dei Misteri: ufficiale annullamento della sfilata, impossibile impedire la folla

In queste condizioni è difficile dire anche se sarà organizzata l’edizione 2021.

Almeno da oggi sarà possibile ammirare le macchine custodite nell’edificio di via Trento dalla famiglia Teberino, oggi annuncia l’importante novità in una nota stampa.

“Dopo il secondo stop forzato riapre il Museo dei Misteri che per il periodo emergenziale sarà con ingresso contingentato e prenotazione obbligatoria”.

Occorrerà rispettare ovviamente le misure di sicurezza previste dalla normativa: “Da lunedì 18 gennaio il Museo dei Misteri riaprirà al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 18.00. Tutto dovrà avvenire in modalità di sicurezza, come la scorsa estate”. Dunque, “sarà obbligatoria la prenotazione: direttamente dal sito www.misterietradizioni.com (nella sezione Museo) compilando e inviando il modulo per la richiesta, o tramite email info@misterietradizioni.com , il Museo confermerà con lo stesso mezzo la prenotazione. L’accesso al Museo sarà contingentato (al massimo sarà consentito a 5 persone), i visitatori dovranno indossare la mascherina e mantenere la distanza di sicurezza”.

E almeno i campobassani potranno concedersi una parentesi di storia e tradizione, godere dell’oasi di cultura all’interno del Museo dei Misteri.