Quantcast

Sant’Elia a Pianisi sarà ‘zona rossa’ fino al 29 gennaio: Toma proroga l’ordinanza

Le restrizioni per contenere la diffusione dei contagi sono state prorogate per altri 15 giorni. Nel provvedimento sono previste misure anche per gli studenti del paese

Sant’Elia a Pianisi resta ‘blindata’: sarà zona rossa fino al 29 gennaio, come prevede la nuova ordinanza firmata questa sera – 15 gennaio – dal governatore Donato Toma che ha deciso di prorogare il provvedimento dello scorso 3 gennaio a causa del boom di contagi registrati in paese che conta circa 1600 abitanti.

Oltre all’impennata di positivi rilevata durante le festività natalizie, ci sono stati anche diversi decessi fra cui quello di una ragazza che doveva essere sottoposta al tampone.

Le restrizioni hanno fatto effetto e sono servite a contenere la diffusione del virus: attualmente ci sono 91 casi di positività al nuovo coronavirus.

La diminuzione dei contagi è però ancora agli inizi. Ecco perchè è stato necessario prorogare le restrizioni per altri quindici giorni.

Gli ingressi e le uscite da Sant’Elia continueranno ad essere controllate dalle forze dell’ordine. Fino al 29 gennaio sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio di Sant’Elia a Pianisi, nonché all’interno dello stesso territorio, “salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

L’attività didattica continuerà nella modalità on line e dunque a distanza per gli studenti del paese, nonostante lunedì 18 gennaio gran parte dei ragazzi tornerà in classe per svolgere le lezioni in presenza.

“Nel periodo di vigenza della presente ordinanza – si legge nel provvedimento firmato dal presidente Toma – si raccomanda alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado ubicate sul territorio regionale frequentate da studenti residenti nel territorio comunale di Sant’Elia a Pianisi, con esclusione della scuola dell’infanzia, di predisporre misure organizzative idonee a garantire ai suindicati studenti la formazione scolastica mediante il ricorso alla didattica digitale”.

Confermate dunque tutte le restrizioni previste nell’ordinanza entrata in vigore lo scorso 4 gennaio. Per i prossimi 15 giorni saranno sospese anche le attività di ristorazione (bar e ristoranti saranno dunque chiusi) e i negozi di vendita al dettaglio, ad eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. 

Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

QUI L’ORDINANZA