Quantcast

Indice Rt vicino alla “soglia di allerta”, Toma proroga restrizioni fino al 17 gennaio: scuole chiuse e limitazioni ai trasporti

La nuova ordinanza firmata questa sera - 5 gennaio - dal presidente Donato Toma alla luce delle indicazioni pervenute dal Comitato tecnico scientifico regionale. Gli indicatori della epidemia in Molise non sono confortanti e il Governatore conferma didattica a distanza per elementari e medie, divieto di usare mezzi pubblici salvo casi di necessità e urgenza. I sindaci hanno facoltà di tenere le scuole elementari aperte. Un'altra misura prorogata riguarda l'obbligo di tampone per chi rientra in regione.

Pur essendo leggermente migliorato, in Molise l’indice di contagio RT resta comunque “prossimo alla soglia di allerta”. Al tempo stesso dai report giornalieri dell’Asrem, quelli relativi al periodo compreso tra il 28 dicembre e il 4 gennaio, emerge che “nell’ultima settimana non si sia registrato sull’intero territorio regionale una significativa riduzione della curva dei contagi”.

Queste le principali motivazioni che hanno spinto il presidente della Regione Molise Donato Toma a chiudere le scuole fino al 17 gennaio, a confermare le limitazioni sull’uso dei mezzi di trasporto e di imporre il tampone per chi rientra dal Molise. Sono i principali contenuti del provvedimento firmato questa sera, 5 gennaio: nella nuova ordinanza vengono prorogate per altri dodici giorni le limitazioni previste nell’ordinanza dello scorso 7 dicembre, quando venne stabilito un rafforzamento delle misure restrittive perché gli indicatori dell’epidemia in Molise non erano confortanti.

Anche questa mattina, al termine della riunione dell’Unità di crisi regionale, è emerso un quadro tutt’altro che roseo. Il Comitato tecnico scientifico regionale ha evidenziato infatti “la necessità di adottare anche per il periodo successivo al 6 gennaio misure di contenimento della diffusione del virus più restrittive rispetto a quelle previste dalle disposizioni nazionali”.

Quindi non solo non rientreranno in classe gli studenti delle superiori, per i quali il governo nazionale ha deciso la sospensione dell’attività didattica fino all’11 gennaio, ma nemmeno i ragazzi che frequentano le medie e gli alunni delle elementari riprenderanno le lezioni dopo le vacanze di Natale. Nel caso della primaria, però, Toma ha concesso ai sindaci dei Comuni di tenere le scuole aperte.

Solo i piccoli della scuola dell’infanzia potranno recarsi in classe.

L’ultima ordinanza del governatore, la numero 2 del 5 gennaio 2021 conferma anche le restrizioni sul trasporto pubblico limitando l’utilizzo dei mezzi solo motivi di stretta necessità.

Inoltre – altra misura prorogata – chi rientra in Molise dovrà effettuare il tampone. O dovrà avvisare il proprio medico e osservare un periodo di quarantena di 10 giorni evitando spostamenti e avvertendo il proprio medico in caso di comparsa di sintomi. L’obbligo vale per chi ha soggiornato almeno 48 ore in altre regioni.

QUI  la nuova ordinanza del presidente Toma