Magnolia Campobasso, arriva Empoli: si entra nella fase calda del campionato

Tre gare nell’arco di sette giorni per le rossoblù, la prima domani alle 16. Ostarello pronta a stringere i denti seppur non al top per via di una distorsione. Le indicazioni di coach Sabatelli: "Rispettare le consegne, cercando di mantenere alta l’attenzione per limitare i loro riferimenti".

Tre gare nell’arco di sette giorni che rappresenteranno la fase centrale nella stagione d’esordio al cospetto della Techfind Serie A1 per La Molisana Magnolia Campobasso. La conclusione di gennaio sarà un momento chiave nello snodo del percorso del gruppo affidato a coach Mimmo Sabatelli.

Domani, seppur con palla a due anticipata di due ore (dalle 18 alle 16 cioè), l’abbrivio coinciderà con l’appuntamento contro l’Empoli sul parquet dell’Arena nella penultima domenica del primo mese del da poco entrato 2021, prologo al recupero infrasettimanale della sesta giornata mercoledì a Sassari con la chiusura del cerchio sabato sera a Battipaglia per la diciottesima giornata (il quinto turno del girone di ritorno).

STEP BY STEP Quasi fosse un mantra però, il tecnico dei #fioridacciaio Mimmo Sabatelli torna a ribadire alle sue, come avvenuto in altre circostanze in occasione dei back to back offerti dal calendario, la necessità di focalizzare l’attenzione sul singolo appuntamento.

“Contro Empoli andremo ad iniziare una settimana molto intensa – spiega – ma più che proiettarci sugli appuntamenti che verranno c’è (e deve essere chiaro) l’intento di affrontare al meglio la sfida con le toscane, gara per noi particolarmente intricata”.

“All’andata – prosegue – loro ebbero nettamente la meglio (era il 18 ottobre e le toscane si imposero 80-57, ndr) in un momento in cui dovemmo fare fronte a diverse difficoltà. Dalle noie fisiche di Bonasia agli infortuni di Linskens e Wojta in un match in cui, di fatto, erano al rientro effettivo sia Marangoni che Mancinelli ci siamo trovati ad affrontarle non al massimo, dovendo fare i conti con un’avversaria invece rodata e capace di una crescita continua nell’arco di tutta questa stagione”.

BESTIA NERA Peraltro, le toscane – al momento – sono una delle antagoniste indigeste nella storia del club campobassano. Tra A2 ed A1, infatti, in tre gare disputate le empolesi hanno sempre avuto la meglio. Particolare, l’exploit centrato dal quintetto di coach Cioni nel primo torneo cadetto dei #fioridacciaio. Nel catino del PalaVazzieri al termini di un match dalle mille emozioni, le empolesi trovarono il successo quasi sul suono della sirena.

“Indipendentemente da quella gara e dalle successive contro di loro – aggiunge il coach rossoblù – con certezza dobbiamo fare i conti contro un’avversaria che ha un modo di giocare particolarmente fluido in virtù di un gruppo coeso ed amalgamato cresciuto, di stagione in stagione, per via di innesti rilevanti, che consentono loro di avere elementi di rilievo non solo tra le straniere, ma anche tra le italiane”.

STOICA SAM Tra i #fioridacciaio non si segnalano particolari problematiche. L’unica che ha dovuto fare i conti con un contrattempo (distorsione alla caviglia destra patita nella prima seduta settimanale) è stata l’ala-pivot Samantha Ostarello. La lunga azzurra, particolarmente sfortunata in prossimità degli appuntamenti con l’Italbasket, è però pronta a stringere i denti e, seppur non al top, a dare il proprio contributo alla causa.

SU IL SIPARIO A dirigere la gara tra La Molisana Magnolia Campobasso e l’Empoli il terzetto arbitrale composto dal pesarese Jacopo Pazzaglia (fischietto guida), nonché dal pescarese Marco Catani e dall’estense Claudia Ferrara (chiamati ad essere, nello specifico, secondo e terzo direttore di gara). La diretta streaming integrale del match sarà veicolata sul sito web Lbftv.it (la piattaforma pay della Lega Basket Femminile). Finestre in chiaro sul match saranno visibili anche su Facebook sulla pagina di Pink Basket nell’ambito della trasmissione ‘Quelli che Pink’, il salotto social frutto della collaborazione tra Lbf ed il magazine specialistico. A precedere la palla a due, tra l’altro, un minuto di raccoglimento in memoria di Gianfranco ‘Dado’ Lombardi, tra gli hall of famer della pallacanestro tricolore sia da giocatore che da allenatore (oltre che da divulgatore della disciplina nella sua veste di commentatore tecnico in tv).