Il pomodoro di Montagano è unico, arriva la certificazione dell’Alsia

Più informazioni su

Importante riconoscimento ufficiale per il pomodoro di Montagano e in un certo senso anche per l’agricoltura molisana. Da tempo infatti ‘l’oro rosso’ di Montagano ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo.

L’oro rosso di Montagano: dalla salsa al ketchup, il pomodoro vola fino in Giappone

Il Sindaco Giuseppe Tullo e l’Amministrazione comunale di Montagano hanno reso noto “l’importante risultato raggiunto in tema di valorizzazione del pomodoro, prodotto tipico d’eccellenza del territorio. In questi giorni, infatti, l’Alsia – Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura -, ha trasmesso al comune di Montagano i risultati dell’analisi di caratterizzazione genetica e biochimica del pomodoro. Dalla relazione illustrativa dell’Alsia emerge chiaramente come il pomodoro di Montagano sia un prodotto unico nel suo genere, identificabile come ecotipo e dalle eccezionali caratteristiche biochimiche e organolettiche.

Le analisi hanno evidenziato, infatti, un elevato contenuto di carotenoidi ed in particolare di licopene, oltre ad un buon contenuto di vitamina C e polifenoli. Si tratta di un risultato eccezionale, che conferma in modo oggettivo e scientificamente provato l’assoluta bontà del pomodoro di Montagano e la sua “unicità” nel panorama locale e nazionale, certificandone le numerose proprietà benefiche, che fanno di esso non solo un alimento gustoso ma un amico della nostra salute.

È un fondamentale snodo dell’attività che da anni viene condotta per la valorizzazione del pomodoro, ed un importante punto di partenza per le prossime attività che saranno portate avanti sul tema. Un ringraziamento particolare, per il lavoro sin qui svolto e per tutto quanto ci sarà ancora da fare, va rivolto all’assessore comunale all’agricoltura, Nicola Tomasso, ed ai componenti della commissione comunale De.Co. (Denominazione Comunale di Origine) – che opera per la salvaguardia della genuinità e della tipicità del prodotto e per la sua valorizzazione – composta dai dottori Domenico Vitullo, Roberto Valente e Nicola Iannaccio”.

Più informazioni su