Commercianti e ambulanti, fino al 31 marzo non si pagherà l’occupazione del suolo pubblico

La misura è contenuta nel decreto di dicembre del presidente del Consiglio: “L’esenzione è stata estesa per altri tre mesi” conferma l’assessore al commercio Paola Felice. In questi giorni sarà pubblicata la delibera che estende la proroga sia per gli esercizi pubblici che i mercati comunali all’aperto di corso Bucci e via Gammieri.

Commercianti e ambulanti possono tirare un sospiro di sollievo: il Governo, e di conseguenza i Comuni, ha prorogato fino al 31 marzo l’esenzione dal pagamento delle tasse per l’occupazione del suolo pubblico. Dunque, sicuramente per altri tre mesi, chi ha provveduto a installare strutture amovibili come gazebo, dehors, elementi di arredo, pedane, sedie e tavoli all’esterno del proprio locale non pagherà la relativa tassa.

Qualche preoccupazione era stata già manifestata da alcuni operatori del settore, considerando che il periodo è durissimo già di suo, tra zone rosse, arancioni e gialle che si susseguono tra loro e che hanno permesso agli esercenti di lavorare a singhiozzo: ad esempio, con il lockdown imposto durante le festività natalizie bar e ristoranti sono rimasti chiusi o potevano effettuare solo l’asporto nei giorni ‘arancioni’.

E ora i commercianti, già messi in crisi dall’epidemia, temevano anche di dover pagare con l’arrivo del nuovo anno le imposte Tosap e Cosap. Almeno per ora non sarà così.

“La Tosap e la Cosap (tassa occupazione suolo pubblico) sono state inglobate in un unico canone – spiega l’assessore al commercio Paola Felice – che non saranno tenuti a pagare i commercianti come deciso nel decreto di dicembre del presidente del Consiglio. Dunque, la misura dell’esenzione è stata prorogata fino al 31 marzo e probabilmente lo sarà anche nei mesi successivi”.

Paola Felice giunta Comune Campobasso

In questi giorni si provvederà a formalizzare gli atti, proprio in virtù dell’entrata in vigore di questo nuovo canone unico, e di conseguenza sarà pubblicata la delibera che estende le agevolazioni fino al 31 marzo. “Una misura che riguarda sempre sia l’occupazione di suolo pubblico da parte degli esercizi commerciali che i mercati comunali all’aperto, nel nostro caso via Gammieri e corso Bucci”.

Tra l’altro, per usufruire della misura basterà presentare in via telematica – all’ufficio comunale – le domande di richiesta, o ampliamento, per l’occupazione di suolo pubblico presentando solo la planimetria e senza l’applicazione dell’imposta di bollo. Molti l’hanno già fatto, tanti altri possono farlo per mettersi in regola. Misure dalle quali per ora non si tornerà indietro, come conferma l’assessore Felice: “Saranno probabilmente ulteriormente prorogate, seguendo il decorso dell’epidemia si andrà per step più piccoli”.

Una misura che la scorsa estate ha permesso ai commercianti di respirare dopo il lungo periodo di stop dovuto al lockdown. E molti hanno deciso di ‘allargarsi’ all’esterno anche nella stagione invernale per ovviare agli angusti spazi all’interno dei propri locali non in grado di garantire il distanziamento.