Quantcast

“Riportare a casa i 13 marinai italiani”: lettera dei sindaci al premier Conte

I sindaci dei comuni di Napoli, Vico Equense, Crotone, Livorno, Messina, Monte di Procida, Pozzallo, Procida, Sant’Agnello e Termoli hanno scritto una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro degli Esteri Luigi Di Maio nella quale chiedono il massimo impegno per sbloccare la situazione che vede 13 marittimi dei comuni sopracitati bloccati da mesi al largo del porto di Huanghua, nella Cina nord-orientale.

La contesa era stata al centro di un incontro in videoconferenza fra sindaci amministratori di questi comuni, alla quale aveva partecipato per il Comune di Termoli il consigliere comunale di maggioranza Nico Balice.

“Caro Presidente – si legge nella missiva inviata poche ore fa -, le chiediamo di esercitare le sue prerogative di capo del governo affinché si giunga rapidamente alla rotazione degli equipaggi. Il problema è dovuto al fatto che le imbarcazioni ‘Mba Giovanni Bottiglieri’ e ‘L’Antonella Lembo’ trasportano un carico di carbone proveniente dall’Australia che per ragioni commerciali la Cina non intende far sbarcare.

Marinaio termolese bloccato al largo della Cina da un anno: “Il Governo deve riportare Gianluca a casa”

Una disputa a livello internazionale che vede quindi i marittimi incolpevoli tasselli di un confronto ben più grande. Fra loro c’è il ventottenne marinaio termolese Gianluca Perino, per il quale il Comune molisano si è mosso nel tentativo di sollecitare il governo a un intervento rapido e risolutivo.

“Come sindaci stiamo seguendo la vicenda dall’inizio, restando in contatto continuo con i marittimi e le loro famiglie e informandoli delle azioni in atto e sostenendo con forza le azioni delle autorità italiane. Tuttavia, la situazione si presenta ora in pieno stallo l’assenza della benché minima prospettiva temporale alimenta uno stato di angoscia delle famiglie”. Così i sindaci che hanno chiesto al capo del Governo un incontro urgente in videoconferenza per riportare a casa i marinai italiani.