La denuncia del periodico ‘La Fonte’: “La malasanità uccide il Molise”

Dal periodico ‘La fonte’ nuove pesanti accuse alla gestione della pandemia nel Molise e la richiesta di utilizzare quanto prima le Case della Salute per lo screening sul Covid-19 e poi per la campagna vaccinale che ci aspetta nei prossimi mesi.

la fonte don antonio di lalla tina de michele

“Presidente Toma, noi abbiamo una sanità che uccide per le scelte scriteriate che fanno aver paura di entrare in ospedale. È inutile che continuate a rimpallarvi le responsabilità col commissario. Avete sbagliato sull’ospedale Covid di Larino, almeno ora avviate subito le case della salute. Non ne possiamo più di vivere con quest’incubo di morire per cattiva sanità” le parole del parroco don Antonio Di Lalla, direttore della rivista, nel video di denuncia.

Quindi l’avvocato Tina De Michele. “Le Case della Salute sono previste a Bojano, Riccia, Agnone, Isernia, Frosolone, Trivento, Campobasso, Larino, Castelmauro, Santa Croce di Magliano, Termoli, Montenero di Bisaccia. Sindaci di questi paesi, attivatevi per pretendere questo diritto. Sono essenziali, potrebbero aiutare nel tracciamento e nello screening del Covid-19 e in futuro per la campagna vaccinale e poi ancora per la prospettiva di sviluppo della nostra regione”.

Più informazioni su