Quantcast

Titolare del frantoio ricoverato per Covid avvisa tutti pubblicamente: “Contattate l’Asrem”

L'uomo che gestisce l'unico impianto di produzione d'olio di Santa Croce di Magliano ha scelto di far sapere delle sue condizioni tramite il sindaco per mettere in guardia le persone entrate in contatto con lui

Il titolare del frantoio di Santa Croce di Magliano è risultato positivo al coronavirus e ha voluto informare pubblicamente la cittadinanza, visto che la sua attività in questo periodo di raccolta delle olive e produzione dell’olio è particolarmente frequentato.

Ne ha dato notizia il sindaco Alberto Florio. “Questa mattina ho ricevuto la notizia che il titolare dell’unico frantoio di Santa Croce di Magliano, il Signor Di Battista Manrico, è risultato positivo al Covid-19 ed è attualmente ricoverato con sintomi in quanto la moglie dello stesso, signora Claudia Venturini, mi ha inviato una nota formale, assunta al protocollo del nostro Comune, nella quale mi ha informato dell’accaduto” ha scritto Florio su Facebook.

“Con questa nota – ha proseguito il primo cittadino – la stessa moglie mi ha espressamente autorizzato a divulgare la notizia alla cittadinanza per superiori ragioni di salute pubblica, autorizzandomi a tutti gli atti consequenziali.

Tutti coloro i quali abbiano avuto contatti recenti con il Signor Di Battista sono pertanto pregati di relazionarsi con il proprio medico curante di base o con la Asrem, comunicando detti avvenuti contatti, al fine dell’attivazione di tutte le procedure previste, a tutela della sicurezza e della salute propria ed altrui”. Come detto, tanti sono i clienti che in queste settimane si sono rivolti al frantoio per la macinatura delle olive e la produzione dell’olio, dato che siamo proprio nel periodo più importante e impegnativo dell’anno per questo settore.

“Essere positivi al Covid-19 non è una colpa – ha rimarcato Florio – e nessuno può e deve sentirsi responsabile di alcunchè ove dovesse risultare positivo, ed il gesto della famiglia del Siggnor Di Battista è meritevole di mio grande apprezzamento e plauso, in quanto espressione di un grande senso di solidarietà sociale che si auspica non venga mai meno in questo difficile momento di emergenza e difficoltà sociale.

Al tempo stesso, peraltro, faccio appello alla sensibilità ed al decoro di tutti e di non cercare di ottenere ulteriori dettagli e notizie in ordine a questa vicenda, che è e deve restare in ogni caso una vicenda privata che non necessita di pruriginose curiosità. Tutti sono stati informati dell’accaduto, tutti sanno cosa deve essere fatto e le persone e gli Enti preposti sapranno porre in essere tutte le necessarie e dovute attività consequenziali.

Ove dovessero esservi sviluppi ulteriori che necessitassero della mia personale comunicazione alla cittadinanza, non esiterò a fornire i dovuti aggiornamenti”.