Quantcast

Rientro in Molise da regioni arancione o rosse: per lavoro o salute si può evitare la quarantena

Nuova ordinanza del presidente della Giunta regionale del Molise che va a derogare in parte quanto disposto dalle due precedenti ordinanze, la numero 47 e la numero 48. Con quella di ieri 18 novembre – la numero 49 – vengono apportate delle modifiche per quanto riguarda i soggetti residenti in Molise che lavorano nelle zone arancioni o rosse.

Ordinanze – quelle precedenti – che peraltro avevano suscitato diverse perplessità e malcontenti, specie per i lavoratori.

Quarantena per evitare il contagio, il sindaco di Vinchiaturo contesta Toma: “Ordinanza senza senso”

Come si ricorderà, con le precedenti disposizioni veniva imposto a chi si recava nelle regioni contrassegnate dal rischio più elevato, di segnalarsi al ritorno alla Asrem e di osservare la quarantena obbligatoria di 10 giorni, una misura precauzionale finalizzata a ridurre il potenziale rischio di contagio sul territorio molisano. La nuova ordinanza prevede una deroga per coloro che “devono recarsi al di fuori del territorio regionale per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute” e che quindi possono uscire dalla quarantena.

Dunque la nuova ordinanza aggiunge che questi soggetti, in deroga a quanto previsto dalla precedente disposizione che ne imponeva la quarantena, sono autorizzati a spostarsi al di fuori del territorio regionale per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute, dandone però preventiva comunicazione scritta all’indirizzo covid@asrem.org e di indicare nella medesima comunicazione la modalità di spostamento e il luogo di destinazione.

L’ordinanza è già entrata in vigore – è stata pubblicata sul sito istituzionale della Regione – ed avrà efficacia fino al 3 dicembre.