Lo strazio dei morti di Covid sui telefonini restituiti alle famiglie “Fatemi bere” “Non respiro” “Nessuno mi aiuta”. Appello per un comitato vittime

Le testimonianze si moltiplicano e il dolore della perdita e dell’abbandono viene condiviso in una chat. L’idea di alcuni figli di vittime del Covid morte all’ospedale Cardarelli, sotto accusa per la mancanza di personale medico, è creare un comitato che raggruppi i parenti. Lo smartphone, unico legame nei giorni drammatici del ricovero, è anche lo scrigno dei ricordi e della sofferenza di chi se n’è andato solo.