Il virus si allarga: positivo operatore di una casa famiglia di Casacalenda e un dentista di Montecilfone

Nel pomeriggio, a Casacalenda, saranno effettuati tamponi ‘drive-through’ ai contatti del medico di base e nella struttura della cooperativa sociale.

Sono oltre 200 le persone che oggi saranno sottoposte a tampone a Casacalenda. Si tratta di coloro che sono entrati a contatto con il medico di base e con un operatore della casa famiglia ‘Nardacchione’. L’importante novità è emersa nelle ultime ore.

Caso positivo nella struttura terapeutica di Casacalenda: “Operatore in isolamento da una settimana”

Per questo, nel pomeriggio sul posto saranno effettuati molti tamponi, anche tra gli ospiti della ‘Nardacchione’: ad occuparsene il personale che lavora con l’Ufficio Igiene coordinato dal dottore Pierpaolo Oriente. Un’équipe costituita da sei persone ed è l’unica ad effettuare i test rinofaringei per l’intera popolazione del Basso Molise, in un territorio che da Ripabottoni arriva fino a Montenero di Bisaccia.

Alla luce della mole importante di richieste arrivate da Casacalenda, dove sono positivi un medico di famiglia e un amministrativo di una struttura di accoglienza, la ‘squadra’ sarà in paese per effettuare circa 200 tamponi.

Qualche giorno fa risultarono positivi alcuni ospiti di un’altra casa famiglia, sempre di Casacalenda, che accoglie minori stranieri non accompagnati. Senza dimenticare i pazienti entrati in contatto con il medico di famiglia.

“Qualora vi fossero nuovi positivi all’interno della comunità che, per ragioni logistiche, non possono condividere il proprio domicilio con i conviventi – precisa Lallitto – sono pregati di mettersi in contatto direttamente con me per trovare soluzioni idonee ed evitare il propagarsi del contagio”. Le scuole restano aperte ma l’invito ai genitori è di “evitare i contatti pomeridiani tra ragazzi, specialmente dove non possono essere garantite le sicurezze necessarie. Portare i bambini e i ragazzi a casa di amici o ospitarli, non è consigliabile in questo momento”.

Dunque, a Casacalenda arrivano i tamponi ‘drive-through’. Sono previsti per oggi pomeriggio, in accordo con l’Asrem e “dopo aver ricostruito la catena dei contatti definiti stretti con il nostro stimato medico di base” spiega la sindaca. Verrà fatto lo screening di ricerca degli eventuali positivi al Coronavirus. “Gli interessati – prosegue Sabrina Lallitto – che sono già stati contattati telefonicamente, a partire dalle 15.30, potranno mettersi in fila, restando sulla propria automobile, in attesa del tampone”.

I test saranno effettuati in un luogo fuori dal centro abitato. Una parte dei contatti, invece, sarà raggiunta direttamente a casa: parliamo di persone e situazioni particolarmente delicate e sensibili. Tutti coloro che verranno sottoposti a tampone restano in regime di isolamento fiduciario fino all’esame del tampone di controllo, a prescindere dall’esito del tampone di oggi.

Simile situazione si sta vivendo in queste ore a Montecilfone dove si è appresa della positività non ancora certificata dall’Azienda sanitaria regionale di un odontoiatra che fino a martedì scorso ha esercitato la professione nel suo studio in paese visitando e curando diversi pazienti che ora costituiscono i cosiddetti ‘contatti’ a rischio’.

Dunque, ora si procederà con il tracciamento dei contatti tra i pazienti che nei giorni scorsi si erano recati nel suo studio.

Il raggio di contagio del virus quindi è sempre più ampio, come sta avvenendo del resto a livello nazionale anche in Molise l’indici Rt sta aumentando.