Firma un contratto telefonico con documenti falsi, arrestato un 61enne di Vinchiaturo

Al termine di un iter procedurale iniziato nel 2013 con la prima informativa di reato degli organi inquirenti, i carabinieri di Vinchiaturo, hanno arrestato un uomo accusato di sostituzione di persona, aggravata per aver commesso il fatto al fine di garantirsi il profitto di altro reato  accertata il l luglio 2013 proprio in Vinchiaturo.

L’uomo, all’epoca dei fatti, utilizzando documenti falsi, si era sostituito ad un’altra persona riuscendo ad attivare un contratto telefonico, del quale ne fruiva poi regolarmente le erogazioni, traendo quindi beneficio, attesa la mole di telefonate effettuate ed inizialmente addebitate all’ignara vittima.

La donna, vistasi recapitare alcune bollette, si è rivolta ai carabinieri che hanno scoperto l’inganno.  Nel 2018 la sentenza del Tribunale di Campobasso con la quale l’uomo è stato condannato alla pena della reclusione per un mese.

L’Ufficio di Sorveglianza di Campobasso il 23 novembre scorso aveva rigettato la proposta di applicazione dell’esecuzione presso il domicilio, e quindi raggiunto dai Carabinieri, è stato trasferito presso il carcere Frosinone, dove resterà fino al 26 dicembre. Infine i carabinieri di Bojano negli ultimi giorni hanno segnalato diversi giovani trovati con cocaina ed eroina – kobret, pronta all’uso.